COME APRIRE UN ASILO NIDO IN PROPRIO

come-aprire-asilonido-ludoteca

Guida Completa per Aprire un Asilo Nido in Proprio, tutti i Requisiti, Documenti e Procedure

Trasformare la propria casa in un’attività? E’ possibile con il tagesmutter, l’asilo fai da te a casa, spesso finanziato in parte con fondi europei o fondi per lo sviluppo delle piccole imprese al femminile. Aprire un asilo nido è a tutti gli effetti l’avvio di un’attività imprenditoriale, che comporta il reperimento di locali idonei, personale specializzato e servizi all’infanzia regolamentati nei più piccoli particolari.

In Italia, sono 3.008 i nidi d’infanzia e 732 i servizi educativi integrativi di cui quasi il 70% a titolarità pubblica (dati Centro Nazionale di Documentazione e Analisi per l’Infanzia e l’Adolescenza). Nonostante il miglioramento dell’offerta, i vuoti di servizi sono ancora tanti, soprattutto per le strutture che ospitano i piccoli sotto i tre anni, che non possono ancora accedere alla scuola materna e che sono rimasti fuori graduatoria nei nidi pubblici.

Non è comunque un’impresa difficilissima. Vediamo come fare. Le nuove opportunità nel settore dei servizi all’infanzia sono davvero numerose. Dall’asilo nido nei luoghi di lavoro, ai baby parking condominiali, dall’asilo in casa al micronido in campagna.

Le nuove formule offrono servizi di qualità e orari elastici: il tutto a prezzi non proibitivi, spesso con l’aiuto della formula franchising, ovvero un marchio conosciuto che per cifre generalmente inferiori al fai-da-te mette a disposizione nome (importantissimo!), garanzie, assicurazione, consulenti per l’avviamento dell’attività, arredi e tutto ciò che serve per cominciare. Il leader in questo settore è BabyWorld, con sedi in quasi tutta l’Italia. ( Baby World S.r.l. – Via Pietro Gaggia, 1/A – 20139 Milano )

Inoltre, grazie alla possibilità di avvalersi dei contributi pubblici o di quelli aziendali (nel caso dei nidi aziendali), si riescono ad alleggerire gli investimenti per l’avvio. Per esempio per chi avvia un piccolo nido in casa non è necessario nemmeno costituire un’impresa (di solito sono cooperative o società di persone) ma basta avere partita Iva e iscriversi all’lnps come assistenti di infanzia. A patto di avere, ovviamente, i titoli giusti (vedi seguito).

Va inoltre ricordato che molti comuni prevedono anche la formula “Asilo in casa“, spesso finanziata in parte con fondi europei o fondi per lo sviluppo delle piccole imprese. Per questi progetti è necessario informarsi direttamente presso lo Sportello Attività Produttive del proprio comune perché progetti e finanziamenti variano molto da un territorio a un altro.

Asilo Nido, da Dove si Comincia per la Struttura ?

L’asilo nido è una struttura di tipo educativo che si rivolge ai bambini di età compresa fra i 3 mesi e i 3 anni, che deve assicurare la realizzazione di un programma educativo, il momento ludico, l’assunzione del cibo e il riposo del pomeriggio.

I Comuni, dopo la verifica degli standard di qualità previsti dalla legge, si occupano dell’ Accreditamento degli asili privati che lo richiedono, riconoscendo la qualità dei servizi offerti.

L’autorizzazione è data dallo Sportello per le Attività Produttive, con una scadenza prevista dopo tre anni. Presso lo stesso Sportello per le Attività Produttive ci si informa di quali requisiti richieda il proprio Comune per l’apertura di asili nido privati (variano da comune a comune).

Quindi, prima di mettersi a cercare, meglio sentire quali sono i vincoli e i regolamenti comunali.

Quale Titolo di Studio per Apriere un Asilo Nido?

Per l’apertura di un asilo nido privato è indispensabile che gli educatori siano in possesso di UNA delle seguenti qualifiche professionali o titoli di studio:

  1. maturità liceo socio-psico-pedagogico;
  2. dirigente di comunità infantile;
  3. maestra di asilo;
  4. operatore dei servizi sociali;
  5. assistente di comunità infantile
  6. maturità magistrale;
  7. tecnico dei servizi sociali;
  8. master per la formazione della prima infanzia;
  9. titolo universitario pedagogico;

E’ ESCLUSA la laurea in psicologia.

Se non si hanno questi titoli di studio, è possibile aprire come titolare, assumendo come educatore o direttore una persona in possesso di uno dei titoli di studio di cui sopra.

Asilo Nido, Requisiti tecnici, Strutturali, Qualitativi e Igienico-Sanitari:

  1. Da un minimo di 19 a un massimo di 50 bambini;
  2. In casi particolari, la cifra può essere compresa fra 6 e 18 bambini;
  3. Dimensioni della struttura conformi agli standard previsti dal DPGR n. 47/R /2003;
  4. Minimo 42 settimane di apertura in un anno, minimo 5 giorni la settimana;
  5. Da un minimo di 6 a un massimo di 11 ore di aprtura in un giorno;
  6. Minimo 6 mq interni per bambino ospitato;
  7. La parte esterna deve coprire una superficie non inferiore allo spazio riservato ai bambini all’interno dei locali;
  8. I servizi igienici e i locali adibiti al cambio non possono essere inferiori a otto metri quadri.

Per rinnovare l’autorizzazione di asilo nido:
1) medesimi requisiti previsti per il rilascio;
2) certificazione che la struttura non ha subito variazioni;

Come devono essere i locali
Gli asili nido sono situati in edifici esclusivamente destinati a questo, provvisti della agibilità/abitabilità.

Spazi interni principali
– servizi generici
– cucine
– spazi destinati ai bambini
– spazi destinati agli operatori e ai genitori


Come presentare la Domanda per l’Apertura?

Rivolgersi al proprio Comune, Sportello attività produttive e informarsi precisamente dei requisiti richiesti. I seguenti sono solo i requisiti generali

L’autorizzazione dura tre anni e può decadere:
1) quando si violano gli obblighi contrattuali nei confronti del personale;
2) nel caso in cui vengono meno i requisiti certificati per ottenere il rilascio;

La domanda va consegnata tramite:
– spedizione con raccomandata con rdt;
– consegna diretta allo Sportello delle Attività Produttive.

Documenti:
– due copie del progetto di educazione;
– tre copie delle planimetrie in scala 1/100 dei locali con indicazione dell’arredamento;
– Modulo di domanda scaricabile dalla sezione Modulistica;
– due copie dello schema del sistema delle acque di scarico, con indicazione precisa delle fosse biologiche o di altri impianti di depurazione dei reflui;
– tre copie relazione ottemperanza norme abbattimento barriere architettoniche (Legge n. 13/89; D.M. 236/89; Legge n.104/92);
– due copie del regolamento interno;
– tre copie certificato di Prevenzione incendi rilasciato dal Comando Provinciale Vigili del Fuoco;
– Carta di identità del firmatario;
– Per gli Extracomunitari occorre una copia del permesso di soggiorno.
– tre copie della descrizione delle caratteristiche dell’esercizio;
– tre copie della documentazione di previsione di impatto acustico art. 8 comma 4 L. 447/95;
– tre copie dichiarazione di conformità ai sensi della L. 16/90 o certificato di collaudo degli impianti tecnici;

Quando si ritirano i titoli autorizzatori:
– Marca da bollo da 14,62 Euro

512 Commenti su COME APRIRE UN ASILO NIDO IN PROPRIO

  1. Salve,
    Ho laurea in pedagogia di lingua inglese,vorrei sapere se posso aprire un nido mio…la mia laurea è riconosciuta del ambasciata italiana.
    La ringrazio
    Cordali saluti
    m
    Mari Turashvili

  2. Benedetta // 2 dicembre 2014 a 19:44 //

    ciao. un anno e mezzo fa ho preso il diploma presso il liceo socio psico pedagogico. vivo in Liguria e mi piacerebbe moltissimo sapere se con il mio diploma posso aprire un asilo nido.. che costi ci sono e le pratiche da seguire. ho fatto solo il liceo e ho molta esperienza sul campo. qualcuno mi può aiutare??

1 16 17 18

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*