COME APRIRE UN ASILO NIDO IN PROPRIO

come-aprire-asilonido-ludoteca

Guida Completa per Aprire un Asilo Nido in Proprio, tutti i Requisiti, Documenti e Procedure

Trasformare la propria casa in un’attività? E’ possibile con il tagesmutter, l’asilo fai da te a casa, spesso finanziato in parte con fondi europei o fondi per lo sviluppo delle piccole imprese al femminile. Aprire un asilo nido è a tutti gli effetti l’avvio di un’attività imprenditoriale, che comporta il reperimento di locali idonei, personale specializzato e servizi all’infanzia regolamentati nei più piccoli particolari.

In Italia, sono 3.008 i nidi d’infanzia e 732 i servizi educativi integrativi di cui quasi il 70% a titolarità pubblica (dati Centro Nazionale di Documentazione e Analisi per l’Infanzia e l’Adolescenza). Nonostante il miglioramento dell’offerta, i vuoti di servizi sono ancora tanti, soprattutto per le strutture che ospitano i piccoli sotto i tre anni, che non possono ancora accedere alla scuola materna e che sono rimasti fuori graduatoria nei nidi pubblici.

Non è comunque un’impresa difficilissima. Vediamo come fare. Le nuove opportunità nel settore dei servizi all’infanzia sono davvero numerose. Dall’asilo nido nei luoghi di lavoro, ai baby parking condominiali, dall’asilo in casa al micronido in campagna.

Le nuove formule offrono servizi di qualità e orari elastici: il tutto a prezzi non proibitivi, spesso con l’aiuto della formula franchising, ovvero un marchio conosciuto che per cifre generalmente inferiori al fai-da-te mette a disposizione nome (importantissimo!), garanzie, assicurazione, consulenti per l’avviamento dell’attività, arredi e tutto ciò che serve per cominciare. Il leader in questo settore è BabyWorld, con sedi in quasi tutta l’Italia. ( Baby World S.r.l. – Via Pietro Gaggia, 1/A – 20139 Milano )

Inoltre, grazie alla possibilità di avvalersi dei contributi pubblici o di quelli aziendali (nel caso dei nidi aziendali), si riescono ad alleggerire gli investimenti per l’avvio. Per esempio per chi avvia un piccolo nido in casa non è necessario nemmeno costituire un’impresa (di solito sono cooperative o società di persone) ma basta avere partita Iva e iscriversi all’lnps come assistenti di infanzia. A patto di avere, ovviamente, i titoli giusti (vedi seguito).

Va inoltre ricordato che molti comuni prevedono anche la formula “Asilo in casa“, spesso finanziata in parte con fondi europei o fondi per lo sviluppo delle piccole imprese. Per questi progetti è necessario informarsi direttamente presso lo Sportello Attività Produttive del proprio comune perché progetti e finanziamenti variano molto da un territorio a un altro.

Asilo Nido, da Dove si Comincia per la Struttura ?

L’asilo nido è una struttura di tipo educativo che si rivolge ai bambini di età compresa fra i 3 mesi e i 3 anni, che deve assicurare la realizzazione di un programma educativo, il momento ludico, l’assunzione del cibo e il riposo del pomeriggio.

I Comuni, dopo la verifica degli standard di qualità previsti dalla legge, si occupano dell’ Accreditamento degli asili privati che lo richiedono, riconoscendo la qualità dei servizi offerti.

L’autorizzazione è data dallo Sportello per le Attività Produttive, con una scadenza prevista dopo tre anni. Presso lo stesso Sportello per le Attività Produttive ci si informa di quali requisiti richieda il proprio Comune per l’apertura di asili nido privati (variano da comune a comune).

Quindi, prima di mettersi a cercare, meglio sentire quali sono i vincoli e i regolamenti comunali.

Quale Titolo di Studio per Apriere un Asilo Nido?

Per l’apertura di un asilo nido privato è indispensabile che gli educatori siano in possesso di UNA delle seguenti qualifiche professionali o titoli di studio:

  1. maturità liceo socio-psico-pedagogico;
  2. dirigente di comunità infantile;
  3. maestra di asilo;
  4. operatore dei servizi sociali;
  5. assistente di comunità infantile
  6. maturità magistrale;
  7. tecnico dei servizi sociali;
  8. master per la formazione della prima infanzia;
  9. titolo universitario pedagogico;

E’ ESCLUSA la laurea in psicologia.

Se non si hanno questi titoli di studio, è possibile aprire come titolare, assumendo come educatore o direttore una persona in possesso di uno dei titoli di studio di cui sopra.

Asilo Nido, Requisiti tecnici, Strutturali, Qualitativi e Igienico-Sanitari:

  1. Da un minimo di 19 a un massimo di 50 bambini;
  2. In casi particolari, la cifra può essere compresa fra 6 e 18 bambini;
  3. Dimensioni della struttura conformi agli standard previsti dal DPGR n. 47/R /2003;
  4. Minimo 42 settimane di apertura in un anno, minimo 5 giorni la settimana;
  5. Da un minimo di 6 a un massimo di 11 ore di aprtura in un giorno;
  6. Minimo 6 mq interni per bambino ospitato;
  7. La parte esterna deve coprire una superficie non inferiore allo spazio riservato ai bambini all’interno dei locali;
  8. I servizi igienici e i locali adibiti al cambio non possono essere inferiori a otto metri quadri.

Per rinnovare l’autorizzazione di asilo nido:
1) medesimi requisiti previsti per il rilascio;
2) certificazione che la struttura non ha subito variazioni;

Come devono essere i locali
Gli asili nido sono situati in edifici esclusivamente destinati a questo, provvisti della agibilità/abitabilità.

Spazi interni principali
- servizi generici
- cucine
- spazi destinati ai bambini
- spazi destinati agli operatori e ai genitori


Come presentare la Domanda per l’Apertura?

Rivolgersi al proprio Comune, Sportello attività produttive e informarsi precisamente dei requisiti richiesti. I seguenti sono solo i requisiti generali

L’autorizzazione dura tre anni e può decadere:
1) quando si violano gli obblighi contrattuali nei confronti del personale;
2) nel caso in cui vengono meno i requisiti certificati per ottenere il rilascio;

La domanda va consegnata tramite:
- spedizione con raccomandata con rdt;
- consegna diretta allo Sportello delle Attività Produttive.

Documenti:
- due copie del progetto di educazione;
- tre copie delle planimetrie in scala 1/100 dei locali con indicazione dell’arredamento;
- Modulo di domanda scaricabile dalla sezione Modulistica;
- due copie dello schema del sistema delle acque di scarico, con indicazione precisa delle fosse biologiche o di altri impianti di depurazione dei reflui;
- tre copie relazione ottemperanza norme abbattimento barriere architettoniche (Legge n. 13/89; D.M. 236/89; Legge n.104/92);
- due copie del regolamento interno;
- tre copie certificato di Prevenzione incendi rilasciato dal Comando Provinciale Vigili del Fuoco;
- Carta di identità del firmatario;
- Per gli Extracomunitari occorre una copia del permesso di soggiorno.
- tre copie della descrizione delle caratteristiche dell’esercizio;
- tre copie della documentazione di previsione di impatto acustico art. 8 comma 4 L. 447/95;
- tre copie dichiarazione di conformità ai sensi della L. 16/90 o certificato di collaudo degli impianti tecnici;

Quando si ritirano i titoli autorizzatori:
- Marca da bollo da 14,62 Euro

508 Commenti su COME APRIRE UN ASILO NIDO IN PROPRIO

  1. In merito al vostro articolo su come aprire un asilo nido in proprio volevo avvisare chi legge questo articolo ed è interessato ad accingersi in questa impresa di stare molto attenti alle proposte di franchising. Io mi sono rivolta ad una società di Roma che mi ha rovinato la vita e mi ha fatto perdere tutti i soldi.

  2. Grazie Madama, se vuoi contattarci a redazione@bloglavoro.com pubblichiamo volentieri la tua storia, in modo che possa essere utile a tutti.

  3. sara » questo titolo al momento non è accettato per questa attività però, come chiarito più volte sopra, ci sono diversi modi per aprire lo stesso, uno (e il più fruttuoso) è di nominare come Direttore dell’asilo una persona che abbia il titolo di studio corretto. Visto che è un’attività da svolgere comunque in almeno due persone, la cosa migliore è trovare una socia con uno dei titoli di studio necessari. In ogni caso, provi a chiedere prima presso il suo comune perché in alcuni casi (regioni autonome ecc.) possono darle l’ok comunque.

  4. Francesca // luglio 19, 2013 a 3:03 pm //

    Buon pomeriggio,

    sono titolare di uno spazio giochi per bimbi fino ai 36 mesi IN FASE DI CHIUSURA.
    Non c’è solo il franchising di cui avere paura…purtroppo ci sono i comuni e la loro grande incompetenza condotti mano per mano dalla mafia delle cooperative e delle parrocchie!

    Se qualcuno di voi è interessato, per disperazione, vendo tutto il necessario per aprire un asilo nido, ludoteca,…magari a voi va meglio!

  5. Francesca » Mi spiace molto Francesca per come è andata. In effetti non sei la prima che ci segnala una forte concorrenza da parte delle parrocchie!

  6. gabriella // agosto 28, 2013 a 6:27 pm //

    Buonasera,

    mi chiamo Gabriella, ho una laurea in Assistenza Sanitaria,sono operatrice sanitaria e vorrei sapere se con questo titolo di studio posso lavorare in un nido o aprirne uno mio.Ho dubbi che io lo possa fare con questo titolo di studio ma ci terrei comunque a chiedervelo in quanto l’assistente sanitario si occupa di prevenzione, promozione ed educazione alla salute, sia per gli adulti che per i bambini e soprattutto perchè il percorso di studi è fondato, oltre che su insegnamenti scientifici, anche su insegnamenti socio-psico-pedagogici.

    Ringrazio per l’attenzione

    Cordialmente

    Gabriella

  7. gabriella » ciao Gabriella, il ragionamento è logico e sarebbe giusto così anche per noi, ma non siamo noi ad aver fatto la lista dei titoli idonei purtroppo! Però, per sicurezza, chiedi i dettagli presso gli uffici della tua Provincia o Regione: in alcune regioni autonome come il Trentino è un titolo equipollente a quelli richiesti.

  8. Salve, vorrei sapere se l’attestato di assistente per l’infanzia, rilasciato dalla regione, dà l’abilitazione per aprire un nido privato. Grazie.

  9. francesca3 // ottobre 1, 2013 a 12:51 pm //

    Salve mi chiamo Francesca sono mamma di un bimbo. Sono laureata in scienze dell’educazione e faccio l’educatrice. Vorrei aprire un’asilo nido famiglia a Roma, prendendo un’appartamento in affitto. Vorrei fare una società unlus perchè so che si pagano meno tasse. Quale iter devo seguire????????? Ci sono dei parametri da rispettare? Posso chiedere un finanziamento?
    Grazie mille per le informazioni

  10. Salve! volevo sapere se andava bene per aprire il nido, il diploma in un’istituto professionale psico-pedacogico. Grazie mille

  11. Antonio » i titoli sono elencati sopra nell’articolo

  12. Francesco // ottobre 26, 2013 a 8:22 am //

    Ho letto tutti i commenti perché vorrei aprire un asilo nido privato,dispongo della struttura che si trova vicino all’autostrada in mezzo alla campagna inoltre sarebbe in posizione ottimale per i genitori perché dispongo di spazi grandi con molto verde e con vari animali:
    N. 3 Asini.n.3 cani,n.6 gatti,laghetto con pesci colorati ecc.ecc.
    Sono un costruttore edile pertanto posso farmi tutti i lavori per rendere la struttura agibile e a misura di bambino,inoltre la ns. famiglia è molto accogliente con i piccoli in primis mia moglie che attualmente tiene la nipotina di due anni ed è molto brava.
    Non mi fanno paura le pratiche burocratiche perché conosco le varie procedure ed avendo le competenze tecniche posso fare tutti gli adattamenti e varianti al fabbricato in poco tempo.
    Devo capire i costi /ricavi di gestione a quanto possono ammontare,il costo del personale e quante educatrici professionali servono per n. di bambini.
    Concludendo se qualcuno di voi leggerà questo messaggio e mi può dare dei consigli,ben vengano,possiamo valutare delle collaborazioni con persone interessate (solo come collaboratrici)mi spiego non voglio soci ma eventualmente persone capaci per la parte pedagocica. Ultima cosa, la struttura dovrebbe essere realizzata in Friuli V.G (per motivi di riservatezza non posso dire il posto preciso) pensavo per ca. 30 bambini,il numero naturalmente dipende da tanti fattori il primo che ci siano richieste ,quanto far pagare di retta mensile in pratica fare una cosa seria ma riuscendo a tenere sotto stretto controllo la gestione.
    Ultima cosa perché faccio questo: perché mi sono rotto le scatole di correre sempre,a 50 anni vorrei godermi la natura e vivere le giornate insieme con i bimbi e i miei animali.
    Voi direte questo è un pazzo visionario,penso che la mia idea andrà sicuramente in porto.
    Grazie a tutti voi Francesco

  13. Francesco, lei vuole aprire una struttura asilo nido normale, questo articolo riguarda gli asili nido in casa sul modello tagesmutter. Per quello che deve fare lei, deve rivolgersi all’ufficio tecnico del suo comune, presentare un progetto ecc., cose che come imprenditore edile conoscerà benissimo.

  14. Buongiorno, questo blog mi ha chiarito un sacco di punti ma mi manca un dettaglio. Io sono laureata in economia e vorrei aprire un nido con un’amica con diploma magistrale, laurea in scienze della formazione primaria ed esperienza in asili nido e scuola materna. Lei vorrebbe però mantenere il suo lavoro attuale come insegnante di sostegno alla scuola materna con il minimo delle sei ore settimanali per non perdere i punteggi. In quelle ore di assenza potrei sostituirla o nella struttura deve essere sempre presente una persona con il titolo adeguato?

  15. Romina » no, basta che lei risulti come direttrice, ma non deve essere sempre presente.

  16. Maddalena // novembre 9, 2013 a 4:45 pm //

    Buon pomeriggio Gentile Redazione,
    desidererei sapere se una laurea triennale in Infermieristica Pediatrica (ex diploma di vigilatrice d’infanzia), possa essere ritenuta idonea all’interno dei titoli di studio relativi alla figura dell’educatore o in quella del coordinatore pedagogico di un asilo nido. Grazie dell’info, saluti.

  17. Maddalena » deve mandare il curriculum con foto, come indicato nell’articolo “un posto al sole”. Buona fortuna!

  18. Buongiorno,
    sono Samantha ho 32anni sono in possesso di un corso come operatrice per assistenza all’infanzia dei bambini con relativo attestato, ho svolto un tirocino di 300 ore presso un scuola materna.
    Volevo chiedervi se secondo voi potrei avere la possibilita di aprire un nido famiglia.

    grazie per l’aiuto

    saluti Samantha

  19. Ciao io mi sono diplomata in Tecnico dei servizi sociali posso aprire un nido???

  20. federica // gennaio 2, 2014 a 8:19 pm //

    Buongiorno,
    complimenti per il sito, mi ha veramente dato molte info.
    vorrei aprire un nido nel mio comune, prov di torino, ma vorrei sapere se è possibile tenere anche animali ( come galline, conigli caprette), tipo agri nido, che tuttavia nasce da un’azienda agricola.
    a me piacerebbe solo dare ai bambini la possibilità del contatto con gli animali e la campagna.
    ovviamente ci sarebbe chi si occupa degli animali.
    grazie

  21. francesca // gennaio 9, 2014 a 3:58 pm //

    Buongiorno, vorrei aprire un asilo nido/scuola materna internazionale.
    A tal proposito volevo sapere se vale la stessa normativa vigente per gli asili “normali”. Chiaramente il personale sarebbe tutto madrelingua, quindi come funziona in questo caso per i titoli di studio?
    Un’altra questione da approfondire è quella delle tasse…sa suggerirmi qualche sito a cui riferirsi o, meglio ancora, qualche ente con cui parlare?

    Grazie

  22. Sono una donna di 30 anni; sin da adolescente il mio sogno era diventare maestra d’asilo. Frequentai le scuole medie già con l’obiettivo di intraprendere poi gli studi magistrali visto il mio amore e la mia passione per i bambini e l’immensa gioia che provo nel comportarmi come loro, giocare e cercare di vedere il mondo con i loro occhi…
    Purtroppo vista la mia “scarsità” nelle materie letterali, gli insegnanti mi spinsero per un percorso più professionale e da qui, ottenni il diploma di Perito Aziendale ed ebbe inizio la mia carriera lavorativa come impiegata nel settore commerciale.
    Oggi però, più gli anni passano e più quel sogno torna spesso tra i pensieri della mia giornata fino ad oggi che mi chiedo “perché non tentare di aprire un nido tutto mio realizzandomi così personalmente e professionalmente?”…
    Così eccomi qui, per chiedervi informazioni sul percorso di studi che dovrei intraprendere (mantenendo il mio lavoro da dipendente per il momento) per poi aprire, un giorno, una mia attività.
    Grazie per l’attenzione.
    Manuela

  23. Annarita // marzo 3, 2014 a 10:23 am //

    Gentile redazione,
    vorrei fare l’esperienza di tagesmutter in casa. Ho un bambino di 19 mesi e vorre conciliare il fatto di stare con mio figlio fino a quando sarà pronto per la materna e l’esigenza di lavorare. Sono un’educatrice steineriana con esperienza triennale e ho la maturità socio-psico-pedagogica. Vorrei sapere quali sono i requisiti essenziali per poter avviare questa attività?
    Grazie mille.
    Annarita

  24. Gentile redazione,
    ho letto tutto l’articolo e vorrei chiedervi dei chiarimenti.
    Sono educatrice professionale, laurea quinquennale, (ho anche il diploma assistente comunità infantile) e la mia collega ha il diploma maestra di asilo abbiamo entrambe lavorato in asili privati e ora vorremo aprire un nido/scuola d’infanzia-famiglia. Cioé una comunità infantile per bambini da 0-6 anni (tipo tagesmutter) è possibile? Quali passi dobbiamo seguire per farlo (legali e pratici)? Ci siamo informate un po’ in giro, ma è tutto molto confuso e contraddittorio. Vi ringraziamo di cuore!

  25. Salve sono Rosita, vivo nella provincia barese, ho un diploma di laurea in servizio sociale e lavorando in asilo privato per anni ho un diploma di specializzazione Montessori per la prima infanzia, secondo voi posso gestire ed aprire un asilo nido?

  26. Ciao mi chiamo Manuela, ho 31 anni in attesa di una bambina che nascerà tra poco. Ho un diploma di perito agrario vivo a Vicenza, anche se lavoro mi piacerebbe trovare un altra ragazza con cui poter aprire in società un asilo Nido o magari valutarne le opportunità, per fare un cambio di vita. Chissà magari qualcuno è interessato….

  27. Maria Giovanna // agosto 26, 2014 a 8:10 am //

    Buongiorno sono laureata alla facoltà di scienze della formazione classe specialistica 56\s …vorrei sapere sono idonea per intraprendere la difficile strada che mi porterà a realizzare il mio sogno cioè quello di aprire una struttura offrendo vari servizi per e ai bambini?

  28. Anna Maria // agosto 30, 2014 a 6:13 pm //

    Salve io ho frequentato un corso che mi ha conferito la qualifica di educatrice per l’infanzia e volevo sapere se con questo titolo potrei aprire un asilo nido.

1 15 16 17

4 Trackbacks & Pingbacks

  1. BlogLavoro.com » Blog Archive » FINANZIAMENTI IMPRENDITORIA FEMMINILE, COME OTTENERLI?
  2. BlogLavoro.com » Blog Archive » LE MAMME LAVORATRICI SI INCONTRANO ONLINE
  3. Le mamme lavoratrici si incontrano online
  4. BlogLavoro.com » DONNE E LAVORO: GLI ASILI NIDO GRATUITI

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*