I PERMESSI RETRIBUITI DEI DOCENTI A TEMPO INDETERMINATO

Ci sono arrivate diverse domande da parte di docenti sulla gestione dei permessi retribuiti, questione su cui continua ad esserci molta confusione, soprattutto grazie a qualche Dirigente Scolastico che o non è troppo informato sulla sua materia oppure cerca di farne avere il meno possibile in modo squisitamente e illegalmente personale. Facciamo quindi un po’ di chiarezza.

I permessi retribuiti che sostituiscono, in pratica, il congedo straordinario previsto dalla normativa precedente, sono concessi dal Dirigente Scolastico sulla base di idonea documentazione nei sottoelencati casi:

partecipazione a concorsi o esami: giorni 8 complessivi per ogni anno scolastico, compresi quelli eventualmente necessari per il viaggio;

lutti per perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grado (genitori, figli naturali, adottati o affiliati, nonni, fratelli e sorelle, nipoti di nonni naturali) e di affini di primo grado (suoceri, nuore/generi): giorni 3 per evento;

particolari motivi personali o familiari: giorni 3;

matrimonio: giorni 15 consecutivi tenendo conto che la data di celebrazione del matrimonio deve essere compresa in tale periodo.

Inoltre per particolari motivi personali o familiari, che devono essere documentati o autocertificati in base alle vigenti disposizioni, possono essere concessi al personale docente, 6 giorni di ferie da usufruire durante le attività didattiche, indipendentemente dalla presenza delle condizioni previste sulla concessione delle ferie e con la possibilità di oneri aggiuntivi per l’amministrazione.

Tali permessi possono essere fruiti cumulativamente nel corso di ciascun anno scolastico, non riducono le ferie , sono valutati agli effetti dell’anzianità di servizio con intera retribuzione esclusi i compensi accessori.

Per quanto riguarda permessi e aspettative art.21 comma 8 (CCNL del 4.8.1995 – CCNL 26.5.99). L’articolo 21 comma 8° del contratto collettivo prevede la possibilità per il personale con contratto a tempo indeterminato di fruire di altri permessi retribuiti o aspettative previsti da specifiche disposizioni di legge. Vediamo i casi:

Per seguire il coniuge all’estero che presta servizio anche in amministrazioni non statali, il dipendente statale può chiedere di essere collocato in aspettativa senza assegni per la durata corrispondente al periodo di tempo di permanenza all’estero del coniuge. (Legge 25-6-1985 n. 333).
Tale aspettativa, che può essere revocata in qualunque momento o per ragioni di servizio, o per la non effettiva permanenza all’estero del dipendente in aspettativa; non è utile né ai fini della progressione di carriera, né ai fini del trattamento di quiescenza . (L. 11-2-1980 n. 26).

Per partecipazione a convegni di studio di particolare rilevanza, può essere concesso, al personale, per non più di cinque giorni nell’anno scolastico, un permesso con trattamento economico intero (art. 453 T.U. 297/94).Tale permesso è valido a tutti gli effetti.

Per lo svolgimento di attività artistiche e sportive possono essere concessi , al personale docente di materie artistiche o di educazione fisica, già confermato in ruolo, esoneri dal servizio, con diritto alla corresponsione degli interi assegni, per un periodo non superiore a 30 giorni in ciascun anno scolastico (art. 454, T.U. 297/94).
Il personale interessato è tenuto a documentare adeguatamente la domanda di permesso in esame con attestazione rilasciata da Enti, gallerie, o con richiesta del CONI che attesti le particolari esigenze di attività tecnico-sportiva.

Per richiamo alle armi in tempo di pace: al dipendente che viene posto in congedo straordinario per la durata del richiamo fino ad un periodo massimo di due mesi, vengono corrisposti lo stipendio e gli assegni personali in godimento e tale periodo è valido a tutti gli effetti.

Per mandato parlamentare i dipendenti statali eletti nel Parlamento nazionale, Europeo e nei Consigli Regionali, vengono collocati d’ufficio in aspettativa senza assegni, per tutta la durata del mandato. Possono optare, in luogo dell’indennità parlamentare o di quella corrisposta ai consiglieri regionali, per il trattamento economico in godimento corrisposto dall’Amministrazione di servizio.
Il periodo trascorso in aspettativa per mandato parlamentare è considerato a tutti gli effetti come attività di servizio, è utile ai fini dell’attribuzione degli aumenti periodici di stipendio e del trattamento di previdenza e quiescenza.
Il collocamento in aspettativa ha luogo all’atto della proclamazione degli eletti, di questa viene data comunicazione immediata agli uffici di appartenenza degli eletti da parte delle Camere o dei Consigli regionali.

Per mandato amministrativo, in caso di nomina a determinate cariche elettive presso gli Enti locali (Regione, Province, Comuni, Aziende speciali. Consorzi fra Enti locali, ecc.) per le quali è prevista la possibilità di collocamento in aspettativa retribuita (legge 1078/66) o non retribuita (legge 816/85). Il periodo di aspettativa, retribuito o meno, viene considerato come servizio utile a tutti gli effetti, ed è considerato come legittimo impedimento per il compimento del periodo di prova.
In merito ai permessi brevi gli eletti nei consigli comunali e provinciali hanno diritto di assentarsi dal servizio per l’intera giornata in cui sono convocati i rispettivi consigli. E’ possibile autorizzare un seconda giornata di permesso nel caso in cui la riunione consiliare si protragga oltre le ore ventiquattro della giornata di convocazione.
Gli eletti nelle giunte municipali, i presidenti e i vice-presidenti, sia nelle giunte delle comunità montane sia dei comitati di gestione delle ASL hanno diritto di assentarsi fino a 24 ore lavorative in un mese; tale limite è elevato a quarantotto ore per i sindaci e i presidenti di provincia.

Per mandato sindacale: il personale della scuola che ricopra cariche elettive nella propria organizzazione sindacale è collocato in aspettativa con l’intero trattamento economico, ad esclusione delle indennità di natura speciale, legate alla effettiva prestazione del servizio; inoltre dalla retribuzione vengono detratti gli eventuali assegni diversi dal “rimborso spese” corrisposti direttamente dalle Organizzazioni sindacali. Tale aspettativa è utile a tutti gli effetti tranne che ai fini del superamento del periodo di prova.
Per assolvere gli impegni di componente della commissione provinciale sindacale può essere concesso un permesso, retribuito, non superiore a 3 giornate mensili.

Per lo svolgimento di funzioni presso uffici e seggi elettorali in occasione di elezioni politiche, europee, regionali, provinciali e comunali o di referendum: I presidenti, segretari, scrutatori nonché i rappresentanti di lista o di gruppo di candidati, o, in occasione di referendum: i rappresentanti dei partiti o gruppi politici e dei promotori del referendum stesso: con contratto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo determinato, hanno diritto ad assentarsi dal lavoro per il periodo corrispondente alla durata delle relative operazioni elettorali o referendarie. I giorni di assenza del citato periodo, sono considerati giorni di attività lavorativa a tutti gli effetti. Il servizio svolto nelle giornate festive ricadenti nel suddetto periodo elettorale o referendario dà diritto al riposo compensativo settimanale previsto dall’ari. 35 del T.U. 10.1.1957, n° 3.
Al dipendente che svolge l’orario lavorativo distribuito su cinque giorni settimanali (escluso, ad esempio, il sabato) compete il recupero con altro giorno lavorativo nel caso in cui in tale giornata (sempre ad esempio il sabato) risulti impegnato per l’espletamento delle suddette funzioni. Il “recupero” viene effettuato in relazione alle esigenze di servizio dell’Amministrazione di appartenenza .
Riguardo l’orario di servizio del personale docente che fruisce di giorno libero, non è da considerare come orario lavorativo distribuito su 5 giornate. Pertanto il personale docente che goda del giorno libero il sabato od il lunedì, non ha diritto ad un ulteriore giorno di riposo (C.M. n. 155 del 6/5/1989).

Per svolgere la campagna elettorale, il personale interessato alla campagna elettorale può usufruire, a domanda, sia dei 3 giorni di permesso retribuito di cui all’ari. 21, comma 2; che dei 6 giorni lavorativi di ferie previsti dall’ari. 19, comma 9 del CCNL 4.8.95 (C.M. n. 369 del 12.12.95).

Assenze per recarsi a votare
possono essere concessi i seguenti giorni in relazione alla distanza: gg. 1 per distanze non inferiori a Km. 350 e non superiori a Km. 700; gg. 2 per distanze superiori a Km. 700 o per spostamenti da isole, esclusa la Sicilia o viceversa.
Detti congedi, come stabilito dalla circolare telegrafica del Ministero del Tesoro -Ragioneria Generale dello Stato – n. 23 del 10/3/92, spettano soltanto al personale che, avendo stabilito la propria residenza nella località sede di servizio entro i termini fissati dall’ari. 13 D.P.R. 30/5/89 (20 giorni dalla data di avvenuto trasferimento), non abbia ottenuto in tempo utile l’iscrizione nelle liste elettorali della nuova sede di servizio.
In caso di mancato adempimento dello spostamento della residenza nel luogo di lavoro non si dà luogo alla concessione del congedo in parola, in quanto la situazione di inadempienza in cui viene a trovarsi il dipendente non può essere fatta valere, nei confronti dell’Amministrazione, come causa giustificativa di un’assenza dal servizio .

Per nomina a giudice popolare: il dipendente è considerato in servizio a tutti gli effetti.

Per donazione di sangue: sono concesse al dipendente 24 ore di riposo e l’assenza non incide sul computo dei giorni di congedo di cui il personale ha diritto di fruire. L’interessato è tenuto a produrre certificazione medica attestante la data, l’ora del prelievo e il quantitativo di sangue prelevato (min. 250 gr).

Per misure profilattiche: deve essere disposto dall’ufficiale sanitario e l’assenza determinata dalla convivenza, contatto od assistenza, in ambiente diverso dalla scuola, con persone di famiglia affette da malattie infettive, viene considerato come attività di servizio. Viene corrisposto l’intero trattamento economico, con esclusione delle competenze accessorie legate all’effettiva prestazione di servizio.

Fonte: CGIL Area Scuola

29 Commenti su I PERMESSI RETRIBUITI DEI DOCENTI A TEMPO INDETERMINATO

  1. Francesca F. // 12 maggio 2008 a 12:59 //

    Buongiorno, grazie per tutte le risposte! Una curiosità: è possibile unire per esempio la giornata della donazione di sangue con un periodo di permesso retribuito? Non intendo farlo, è semplice curiosità-

  2. Antonio // 12 maggio 2008 a 13:06 //

    Salve, io ho una supplenza di 18 ore in provincia di Parma, con termine a giugno, e sono della provincia di Avellino. Ho chiesto il permesso retribuito per recarmi a votare alle ultime elezioni ma a causa di problemi con i trasporti (documentati) sono rientrato con un giorno di ritardo. Per quel giorno non sono stati chiamati supplenti, le mie ore sono state coperte da colleghi. Ora mi sono visto conteggiare la giornata in più, 4 ore, come permesso NON retribuito e il Dirigente dice che non poteva fare altrimenti perché i giorni di permesso per le votazioni sono massimo 3 (2 di viaggio e 1 di voto) senza deroghe.

  3. @Francesca F.: figurati! :) Teoricamente è possibile, ma fattivamente bisognerebbe avere un dirigente scolastico mooooolto accomodante e colleghi moooolto pazienti :) Una operazione da evitare, in fondo le ferie dei docenti sono tantissime, meglio non strafare ;)

    @Antonio: Ciao Antonio, il dirigente scolastico ha sia ragione che torto. I tre giorni ti spettavano come elettore fuori domicilio e fin qui tutto bene. Il giorno di ritardo dovuto invece a impedimenti documentabili e imputabili ai trasporti non può essere incluso nel permesso retribuito riservato agli elettori fuori sede. Quindi anche qui ha ragione il Direttore Scolastico. Sul fatto che non potesse fare altro invece c’è qualche dubbio, infatti poteva venirti incontro facendoti chiedere un giorno di ferie retribuite oppure (quando si dice la semplicità!) farti banalmente recuperare le ore. Insomma, di fronte a impedimenti documentati le strade sono molte, però se vuoi un consiglio non avanzare proteste per quest’unica occorrenza, potresti giocarti una seconda chiamata o meritarti l’antipatia del Dirigente, che non è mai un bel vivere ;)

  4. Sono un docente laureato in Scienze motorie, attualmente distaccato in una Accademia Militare per l’insegnamento dell’attività ginnico sportiva. La disciplina che insegno è parte integrante del piano studi che consente agli allievi di conseguire la laurea. Mentre vengo retribuito come docente di scuola media superiore, agli altri docenti viene fatto un contratto attraverso l’Università locale, che poi li mette a disposizione dell’ Accademia, retribuendoli secondo il contratto relativo ai docenti universitari. E’ regolare questa difformità di trattamento?
    Vi ringrazio per l’attenzione.

  5. @Mario: potrebbe essere regolare se la tua classe di insegnamento (che non specifichi) non fosse contemplata nell’ordinamento universitario italiano. Trattandosi di discipline inerenti allo sport, potrebbe essere questa la spiegazione. In ogni caso ti conviene prendere il tuo contratto e farlo visionare da un sindacato del comparto scuola (se non ne conosci, rivolgiti ai maggiori che hanno un comparto scuola: cgil, uil, gilda) in modo che possano vedere concretamente se ci sono delle disparità di trattamento o se si tratta di una situazione dovuta all’ordinamento accademico.

  6. perchè il mio dirigente mi rifiuta i permessi per assistere il genitore con grave handicap.Preciso che ricorrono tutti ipresupposti e che fino a giugno ho goduto dei benefici.Si tratta di abuso di potere?

  7. pietra barbato // 16 ottobre 2008 a 16:42 //

    ho bisogno di un chiarimento! il 28 ottobre devo presentarmi a napoli per una testimonianza in una causa ma lavoro come insegnante a tempo indeterminato nella scuola dell’infanzia a firenze. il giorno suddetto è un martedì e mi hanno detto che in questi casi, oltre al giorno per la testimonianza,lavorando a 500 km da casa, spettano i giorni di viaggio. la mia dirigente dice di no! che faccio?

  8. Giuseppe // 17 ottobre 2008 a 14:30 //

    Vorrei partecipare al convegno ABCD sulla didattica presso la Fiera di Genova.Mi viene garantita la retribuzione ma dovrà essere mia cura trovare dei colleghi che mi possano sostituire senza alcuna retribuzione e con restituzione delle ore prestate.Ma non dovrebbero essere pagati anche loro?

  9. @Giuseppe: ma stiamo parlando di scuola statale? perché nel caso non funziona così. Il tuo è un permesso giustificato per lavoro, chi fa supplenza nelle tue ore deve essere regolarmente retribuito come per qualsiasi supplenza…

  10. antonio // 4 novembre 2008 a 21:19 //

    vi chiedo se è possibile negare i permessi per mandato politico (assessore) da parte del D.S.
    Grazie

  11. @antonio: sì, è a sua discrezione. ma quante ore hai a scuola e quante ne prevede il mandato politico?

  12. Ilaria // 3 gennaio 2009 a 19:26 //

    Sono un insegnante alla scuola elementare e due volte al mese devo chiedere due ore di permesso per andare a trovare il mio compagno che si trova detenuto in carcere ma visto che posso chiedere solo 24 Ore all anno e giorni di ferie la direttrice non ne concede che devo fare?grazie per l attenzione

  13. @Ilaria: legalmente la preside può negare le ferie per questo motivo, perché lo stato non riconosce la convivenza, quindi è difficile anche far intervenire i sindacati in questi casi. Però la soluzione puoi trovarla da sola: contando che i mesi di scuola sono circa 9, ti servirebbero grosso modo 36 ore in tutto. Ora, contando che difficilmente TUTTI i permessi necessari cadranno in giorni di lezione visto che bisogna detrarre le vacanze e i vari ponti, diciamo che approssimativamente potrebbero essere in tutto 30 ore o meno.
    24 ore le prendi con i permessi, le restanti 6, ovvero 3 visite, ti organizzi con qualche collega per un cambio ora, che la preside non puo’ rifiutare, bisogna solo comunicarglielo. Tu fai le ore di una collega, che a sua volta ti sostituirà il giorno in cui ti servono le due ore per andare in carcere. Trattandosi solo di 2-3 volte, sarà facile sia trovare dei colleghi che si prestino, che comunicarlo alla preside.

  14. Rocco Condello // 14 gennaio 2009 a 22:21 //

    La Dirigente vuole specificato esattamente il motivo personale. Per la privacy e per “motivo personale” cosa si intende allora?
    Cosa si può autocertificare perché non si vada proprio nello specifico?ù
    Rocco

  15. marisa // 7 giugno 2009 a 17:30 //

    Sono una docente di materie letterarie, obbligata dal DS ad usufruire dei 36 giorni ferie dal 14 luglio al 25 agosto.
    Mi piacerebbe tuttavia partecipare ad una attività di volontariato, organizzata dalla mia diocesi, in Guatemala, destinata a concludersi il 31 agosto.
    Come posso fare?

  16. franca // 22 giugno 2009 a 15:14 //

    Sono un’assistente amministrativo a tempo indeterminato. ho chiesto la concessione dei tre gg di permesso per lutto per la perdita di una sorella. mia sorella abita a 800 km di distanza dal mio luogo di residenza e lavoro. mi spettano ulteriori 2 gg per poter affrontare il viaggio di andata e ritorno? o nei tre gg per lutto è tutto incluso?
    grazie

  17. Vorrei sapere se per il conteggio delle ferie, del personale docente della scuola primaria con tempo scuola di 40 ore suddiviso in 5 giorni dal lunedì al venerdì, è giusto calcolare anche il sabato. In questo modo le ferie vengono notevolmente ridotte, ma nella direzione didattica dove lavoro mi hanno dato sempre questa indicazione. Grazie

  18. mariassunta // 15 giugno 2010 a 14:57 //

    Salve sono un’insegnante con contratto a tempo determinato fino al 30 giugno!qst anno dalla segreteria della scuola mi è stato detto che sarei in ferie già dal 25 giugno non essendoci adempimenti a scuola..così facendo io perderei 5 g di ferie che non mi vengono retribuite.
    E’ una legge o un problema della scuola?io ho il contratto fino al 30 pechè dovrei prendermi e sprecare questi giorni che non mi vengono retribuiti fatemi saper.grazie

  19. @mariassunta: non è certamente né un decreto né una circolare e in linea di massima le ferie non possono essere imposte. Prova a sentire direttamente la sede USP della tua zona (la scuola potrebbe essere in amministrazione speciale o avere in applicazione provvedimenti restrittivi per il budget) o ancora meglio rivolgiti al tuo sindacato, se non ne hai uno rivolgiti alla FLC della CGIL che ha un buon servizio di consulenza per i docenti, generalmente rispondono anche per telefono ma devi chiamare quelli della tua zona.

  20. Annarita // 26 luglio 2010 a 01:18 //

    Sono un’insegnante a tempo indeterminato. Ho la possibilità di partecipare ad un pellegrinaggio a Santiago d Compostela dal 31 agosto per una settimana, quindi non potrei partecipare ai primi due (max tre) giorni di attività scolastica. So che la Dirigente non mi concederebbe le ferie e sono disposta anche a permessi non retribuiti: quali sono le possibilità per non rinunciare a quest’esperienza?

  21. francesca campagna // 15 settembre 2010 a 20:50 //

    salve, sono una docente a tempo indeterminato. sono socia in una onlus che opera in angola e che a breve effettuerà un intervento sul posto, missione di breve durata (10 giorni lavorativi), missione a cui io sono stata chiamata (sono una psicologa volontaria)vorrei sapere se è possibile fare riferimento a qualche voce che contempli ciò.

  22. Vorrei saper a quante ore possono ammontare complessivamente i permessi per un docente a tempo indeterminato, relativamente alle sue ore di insegnamento.
    è pssibile asentarsi 60 ore su 80?
    non è il caso che detto docente chieda aspettativa per svolgere tutte le sue incombenze e rientri all’insegnamento quando è in gado di garantire un giusto svolgimento?
    oppure può considerarsi assenteista giustificato? grazie

  23. Risponderemo con più frequenza dalla prossima settimana. Ci scusiamo per l’interruzione ma se vi siete accorti di cosa sta succedendo in Italia… alcuni di noi sono impegnati anche con attività associazioniste e sindacali, in questo momento l’organizzazione di marce e picchetti sta prendendo veramente tanto tempo.

    VI INVITIAMO a unirvi a queste proteste, a non pensare che tanto c’è qualcun altro che lotta per i vostri diritti perché questa volta è davvero il momento di scendere in piazza, da qualsiasi parte vogliate. Ma la situazione attuale è veramente molto molto critica, è anche ora di protestare e non aspettare che le cose le risolvano sempre gli altri

    un saluto a tutti, ci risentiamo da lunedì

  24. ma allora noi docenti, con tutti questi permessi a disposizione,….

    quando insegnamo?

    grazie

  25. ….scusate,
    e gli studenti, quando potranno far valere il loro diritto all’insegnamento, per il quale noi siamo pagati?
    Perchè mi sembra siamo pagati per insegnare… o no?

    grazie ancora

  26. Elisabetta // 16 gennaio 2011 a 13:32 //

    Salve, sono insegnante della scuola primaria a tempo indeterminato e vorrei sapere se è giusto che quando chiedo una o due ore di permesso poi debba sempre restituirle . Vorrei inoltre sapere che domanda devo fare per avere due ore di permesso per accompagnare il figlio a fare un piccolo intervento chirurgico e se poi devo recuperarle. Grazie.

  27. @Elisabetta: se chiedi delle ore di permesso è un conto, se chiedi dei giorni è un altro. Ti conviene chiedere dei GIORNI di permesso RETRIBUITO.
    Secondo infatti l’art.15 del CCNL Scuola, ogni insegnante ha diritto fino a tre giorni di permesso retribuito i “sulla base di idonea documentazione anche autocertificata”, in questo caso presenterai la domanda al ds per assistere il figlio in ospedale e una copia del certificato di ricovero o della prenotazione rilasciata dal sistema sanitario della tua regione- Non può negartelo e non può obbligarti a usufruire di ferie per questa evenienza.

  28. carolina // 3 aprile 2011 a 19:16 //

    salve, sono docente a tempo indeterminato nella scuola superiore. i tre giorni di permesso retribuito possono essere chiesti anche di seguito cioè tutti e tre insieme? il mio dirigente dice di no, ma non ho trovato tale divieto nel contratto nazionale
    grazie

  29. Gennaro Montanaro // 14 luglio 2011 a 23:25 //

    Salve, ho partecipato ad una Borsa Comenius dal 10 al 23 aprile di quest’anno.
    Durante la mia assenza non sono stato sostituito da supplente e inoltre l’ultima parte del mio soggiorno concideva (v.giovedi’ 21/4) con l’inizio delle vacanze pasquali e quindi sospensione delle lezioni.
    La mia dirigente sostiene che, superati i 5 giorni retribuiti concessi annualmente per aggiornamento, i giorni restanti (seconso lei altri 5) risultano ferie e quindi da sottrarre dalle ferie estive. Chiedo se è vero e se è inoltre per me possibile, onde evitare un rientro a scuola il 25 agosto, prolungare il congedo per ulteriori 3 gg.essendo il sottoscritto persona che assiste il coniuge ai sensi Legge 104/92 art.3.
    Aggiungo inoltre ulteriore quesito ovvero per decisione del Consiglio di Istituto,la scuola sarà chiusa al pubblico dal 15 al 21 agosto e tale settimana è stata imposta di ferie a tutto il personale docente. Ma è corretto?

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*