ANTICIPO DEL TFR: QUANDO SI PUO’ RICHIEDERE?

calcolo-TFR-liquidazioneQuando si può Rchiedere un Anticpo del Proprio TFR ? Vediamo in quali casi è Possibile

LEGGI ANCHE: Modello per Richiesta Anticipata del TFR

Alla fine del rapporto di lavoro il lavoratore ha diritto ad una somma di denaro, detta trattamento di fine rapporto (TFR) e comunemente nota come liquidazione. Tuttavia, in alcuni casi, il lavoratore che abbia almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro può ottenere, una sola volta nel corso del rapporto, un anticipo, non superiore al 70%, del TFR maturato.

Le richieste di anticipo vengono soddisfatte annualmente dal datore di lavoro nel limite del 10% degli aventi diritto, e del 4% dei dipendenti.

I casi in cui è possibile ottenere l’anticipo del TFR sono due: spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche; acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile.

I contratti collettivi possono stabilire condizioni di miglior favore, per esempio prevedendo altri casi legittimanti l’anticipo, nonché stabilire graduatorie per l’accoglimento delle richieste di anticipo.

Quanto all’acquisto della prima casa, la giurisprudenza era originariamente orientata nel senso di imporre al lavoratore l’esibizione dell’atto notarile attestante l’avvenuta compravendita. Questo orientamento comportava dunque il problema, per il lavoratore, di chiedere l’anticipo solo dopo aver stipulato il rogito, dunque dopo aver corrisposto il prezzo dell’acquisto. Sulla questione è però intervenuta la Corte Costituzionale con una sentenza di illegittimità costituzionale.

A seguito di tale sentenza, si deve ritenere che, per ottenere l’anticipo, non sia necessario aver già perfezionato l’acquisto mediante il rogito; al contrario, è sufficiente che l’acquisto sia in fase di perfezionamento, da dimostrarsi con mezzi idonei a comprovarne l’effettività.

Quanto alle spese mediche, queste devono essere necessarie e straordinarie. In altre parole, la struttura sanitaria pubblica deve riconoscere che la terapia o l’intervento siano necessari, nonché accertarne l’importanza e la delicatezza, da un punto di vista sanitario ed economico.

E’ invece indifferente che il trattamento sanitario possa, o non possa, essere praticato anche nelle strutture pubbliche. Neppure è necessario che il lavoratore abbia preventivamente provveduto al pagamento delle cure. In ogni caso, non è richiesto che il lavoratore presenti fatture o preventivi. Ne consegue che, ricorrendo le condizioni, il lavoratore può pretendere l’anticipo del 70% del TFR maturato, anche qualora la spesa effettivamente da sostenere fosse inferiore.

VIA: studiamo.it
Foto: Flickr

355 Commenti su ANTICIPO DEL TFR: QUANDO SI PUO’ RICHIEDERE?

  1. Stellina.m76 // giugno 12, 2013 a 5:24 pm //

    Buonasera, sono dipendente in questa azienda da più di 12 anni, contratto metalmeccanico industria, impiegata 4′ livello, part-time da un anno e mezzo.
    Vorrei chiedere l’anticipo del TFR perchè attualmente sono in gravidanza e inoltre dovrei affrontare delle spese sulla casa (prima casa che ho acquistato a ottobre 2011).
    Posso chiedere l’anticipo con una di queste due motivazioni? Al massimo quanto posso chiedere?
    L’azienda è una srl e siamo meno di 15 dipendenti, e tra l’altro, l’azienda sta andando male.
    Ringrazio per la cortese attenzione e attendo vostro riscontro.

  2. Buongiorno, sono un dipende di una S.p.a. dal 1999, dal 07/2006 ho aderito al fondo generali, non potendo fare rischiesta di anticipo TFR in azienda perchè ho una cessione del quinto ho fatto richiesta alla generali di anticipo TFR per spese sanitarie visto che ho avuto un infarto e dovrei recarmi dalla Calabria a Milano per controlli, ma la generali mi ha risposto che vogliono prima le fatture delle spese che sostengo e poi fanno il rimborso.
    E’ cosi che funziona? se avevo la liquidità per andare di certo non avrei chiesto un anticipo…
    Cordialmente saluto

  3. Carlo79 » allora, sul funzionamento delle Generali non è materia nostra, come per ogni assicurazione vale il contratto che ha firmato. Se c’è scritto che le spese sono a rimborso (come di norma per le assicurazioni), è così e non può fare nulla.
    Per l’anticipo TFR, non c’entra nulla con la cessione del quinto. La cessione del quinto è sul suo stipendio netto, il TFR invece è accantonato dal lordo e le viene corrisposto solo a fine rapporto di lavoro. Non sono in conflitto, salvo che lei non abbia firmato con la finanziaria di dare in garanzia sul prestito il TFR… il che è una grandissima cavolata ma nel caso ormai l’ha fatta e in quel caso non può toccare il tfr. L’unica cosa che potrebbe fare è farseli prestare da un parente e spiegargli che le verranno rimborsati dall’assicurazione.

  4. Francesca // giugno 27, 2013 a 10:59 am //

    Lavoro in un ente pubblico da 15 anni e quest’anno ho chiesto un anticipo di TFR perchè ho dovuto sostenere ingenti spese mediche. L’anticipo mi è stato riconosciuto ma sul primo stipendio ho visto che mi sono stati addebitati degli interessi. Ho chiesto spiegazioni e mi è stato detto che la legge prevede il versamento degli interessi sulla somma anticipata fino al momento della pensione. Questo perchè l’accantonamento è solo contabile e l’azienda me lo avrebbe dovuto erogare solo alla conclusione del lavoro, quindi mi trovo a pagare un interesse per i prox 20 anni per somme che in realtà io ho già maturato. E’ corretta questa interpretazione?
    Grazie

  5. ***********

    sulla questione PIGNORAMENTI DEL QUINTO, FINANZIAMENTI E CREDITI + TFR i nostri consulenti hanno risposto in dettaglio qui:

    http://www.bloglavoro.com/2013/07/03/tfr-crediti-pignoramenti-e-cessioni.htm

    ***********

  6. valentina // luglio 23, 2013 a 10:54 am //

    salve io lavoro per un impresa pulizie part time ,dal 2003 ora sta effettuando delle visite dentistiche alle quali mi hanno prescritto delle protesi dentarie vorrei chieder anticipo parte tfr che documentazione devo fornire al datore di lavoro è sufficente il preventivo del mio dentista

  7. Stellina.m76 // luglio 23, 2013 a 2:00 pm //

    Buongiorno, vi riposto il messaggio di qualche settimana fa.
    sono dipendente in questa azienda da più di 12 anni, contratto metalmeccanico industria, impiegata 4′ livello, part-time da un anno e mezzo.
    Vorrei chiedere l’anticipo del TFR perchè attualmente sono in gravidanza e inoltre vorrei fare dei lavori sulla casa che è la prima casa che ho acquistato a ottobre 2011 (i lavori si tratta di mettere le inferriate).
    Mi hanno detto che per anzianità di servizio posso chiedere fino al 70% presentando il preventivo del lavoro (non è necessaria la fattura). Come motivazione si può chiedere anche per il bambino in arrivo?
    L’azienda è una srl e siamo meno di 15 dipendenti, e tra l’altro, l’azienda sta andando male e probabilmente chiuderà a fine anno.
    Ringrazio per la cortese attenzione e attendo vostro riscontro.

  8. salve, sono dipendente di una azienda da più di 8 anni fosso richiedere il TFR se devo affrontare una spesa dentistica di mia moglie.

  9. Ciao,
    posso richiedere il Tfr x pagare le spese dentistiche di mia madre (non appartiene al mio nucleo familiare)? 9 anni dipendente nella stessa azienda contratto metalmeccanico.
    GRAZIE

  10. Valeria » la condizione imprescindibile è che il familiare sia convivente. Se non lo è, non si può avvalere dell’anticipo tfr di un altro familiare, mi spiace.

  11. Salve sono un lavoratore di una cooperativa mi hanno comunicato che il mese prossimo mi licenziano perché non c’è lavoro. …volevo sapere se il tfr che ho maturato con questa ditta mi sarà dato, , oppure svanira nel nullaggrazie..

  12. vito morciano // ottobre 27, 2013 a 11:51 pm //

    x salvatore
    un chiarimento: lei è lavoratore oppure socio lavoratore? la differenza est importantissima
    saluti

  13. Buonasera, sono dipendente di un’Ente pubblico da 26 anni. Avendo necessità di acquistare casa posso richiedere in anticipo il trattamento di fine lavoro? In caso affermativo a chi posso rivolgermi per avere maggiori chiarimenti?Grazie

  14. Juan Santiago // dicembre 1, 2013 a 5:46 am //

    Buon giorno, vorrei sapere cosa posso fare nel mio caso. Lavoro come infermiere in un grosso ospedale privato, pero per una stupidaggine mia, prima ho fatto il trasferimento del tfr al INASS dove non ero informato di niente del mio tfr poi ho deciso di passare il mio tfr alla Banca Posta per il fatto che non potevo tornare il fondo al ospedale. Nel mio caso devo aspettare 8 anni di avermi iscritto alla Banca Posta o conta tutto il tempo che lavoro nel ospedale? ce qualche modo di fare tornare il mio fondo pensione al ospedale? Grazie mille per la risposta.

  15. buonasera,sono dipendente metalmeccanico c/o un’Azienda multinazionale e vorrei porvi questa domanda:nel 2012 avevo chiesto l’anticipo della somma che io verso da circa 17 anni al fondo cometa per ristrutturare la mia casa prima e unica .avevo presentato il preventivo dei lavori e dopo un mese mi hanno fatto il di circa 10,000 euro (diecimila)in banca,
    non trovandomi d’accordo in seguito con la ditta che doveva eseguire la ristrutturazione ho accantonato il progetto ad oggi non ho ancora eseguito il lavoro con nessuno e dopo quasi un anno il fondo cometa mi ha chiesto la fattura dei lavori.come posso rispondere a quello che sembra una furbata ma sinceramente non lo e’affatto?grazie per la vostra attenzione buona serata
    Cosimo

  16. cosimo, parli di una multinazionale spagnola?

  17. Salve, sono un dipendente pubblico, precisamente lavoro per un amministrazione provinciale, volevo sapere sapere mi negano il mio tfr anticipato visto che l’ho richiesto per ben 2 volte: una volta per il mio matrimonio e un altra volta per l’acquisto per la prima casa.
    Mi dicono che non è possibile nel pubblico, a me sembra una cosa assurda!

  18. Buongiorno.
    Per richiedere l’anticipo del TFR (ad es. per spese dentistiche) occorre portare in azienda un preventivo delle spese. Sarà poi necessario consegnare anche le fatture che dimostrino che tutte le spese pari all’importo di TFR anticipato sono state effettivamente sostenute?
    Grazie!

  19. Ciao
    Sono un dipendente pubblico con 35 anni di lavoro a tempo indeterminato presso un Comune, vorrei sapere se posso avere un anticipo del tfr per dimezzare parte del muto per aver acquistato la prima casa oppure per dimezzare la rata.

    GRAZIE.

  20. Francesca // febbraio 14, 2014 a 1:56 pm //

    Lavoro in un ente pubblico da 15 anni e quest’anno ho chiesto un anticipo di TFR perchè ho dovuto sostenere ingenti spese mediche. L’anticipo mi è stato riconosciuto ma sul primo stipendio ho visto che mi sono stati addebitati degli interessi. Ho chiesto spiegazioni e mi è stato detto che la legge prevede il versamento degli interessi sulla somma anticipata fino al momento della pensione. Questo perchè l’accantonamento è solo contabile e l’azienda me lo avrebbe dovuto erogare solo alla conclusione del lavoro, quindi mi trovo a pagare un interesse per i prox 20 anni per somme che in realtà io ho già maturato. E’ corretta questa interpretazione?
    Grazie

  21. ciao volevo sapere io ho gia chiesto il tfruna volta ora devo comprare casa posso chiederlo ancora

  22. Buonasera sono assunta da novembre 2006 in un azienda alimentare. Fondo di categoria fai. Ho comprato prima casa gennaio 2013 ma non ho potuto chiedere tfr perché non avevo ancora maturato gli 8 anni di lavoro.
    La mia casa risulta ancora in fase di ristrutturazione aabbiamo SCIA aperta. Posso chiedere a novembre anticipo del tfr? Per prima casa oppure per ristrutturazione e in quale misura?
    Ringrazio anticipatamente.

  23. roberto.catalano@libero.it // giugno 5, 2014 a 2:38 pm //

    Dopo il rogito per l’acquisto della prima casa, esiste un tempo massimo (per legge o ccnl metalmeccanico industria)
    per poter chiedere l’anticipo TFR accantonato in azienda?
    L’azienda sostiene che il tempo massimo per fare richiesta di anticipo tfr accantonato in azienda, è di 4mesi dalla stipula del rogito. Se invece sono passati più di 4 mesi allora non è più possibile chiedere l’anticipo tfr accantonato in azienda.
    Cosa ne pensate è così oppure essiste un tempo più lungo?

    Fa riferimento alla seguente sentenza:
    SENTENZA CASSAZIONE N. 1379 DEL 04/02/1993
    “La Cassazione ha stabilito la necessita’ dell’esistenza di un nesso
    tra la richiesta di anticipazione e l’acquisto della casa; pertanto
    il nesso non sussiste quando la richiesta viene effettuata, ad esempio, dopo un lasso temporale superiore a quattro mesi”.

  24. col fondo cometa posso chiedere anticipo x fare un fivet un inseminazione visto che non riesco ad avere figli.grazie

  25. antonietta // agosto 16, 2014 a 5:54 pm //

    Buona sera, sono una dipendente di una casa di riposo privata. Ho chiesto il mio TFR alla ditta per un preventivo di spesa dentale da un privato dentista che ha da molti anni. La ditta mi chiede il timbro nel preventivo dell’ente pubblico, come è possibile e cosa devo fare?

1 10 11 12

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Modello per Richiesta Anticipo TFR 2014 | BlogLavoro.com

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*