web analytics
News

COME FUNZIONA IL CENTRO PER L’IMPIEGO (EX UFFICIO DI COLLOCAMENTO)

L'Ufficio di Collocamento ora è Centro per l'Impiego. Da febbraio 2003 infatti sono state soppresse le vecchie liste di collocamento. Al loro posto è stato istituito l'elenco anagrafico dei lavoratori. E' inoltre stato abolito il Libretto di Lavoro anche se i Servizi per l'Impiego rilasceranno, su richiesta dei lavoratori, idonea certificazione anagrafica/professionale che sostituirà tutte le vecchie certificazioni. Lo scopo è quello di semplificare il sistema di incontro tra domanda e offerta di lavoro e di realizzare nuovi servizi di indirizzo e di sostegno per i lavoratori e per le imprese. Per essere inseriti nell'elenco anagrafico e poter fruire dei nuovi servizi è necessario che gli interessati dichiarino lo stato di disoccupazione con la loro immediata disponibilità al lavoro. Occorre quindi recarsi presso il Centro per l'Impiego di residenza e rilasciare una dichiarazione (autocertificata) nella quale si attesta:

* di essere privo di lavoro;
* di essere immediatamente disponibile allo svolgimento di una attività lavorativa;
* di essere immediatamente disponibile allo svolgimento di una attività di ricerca attiva di lavoro secondo le modalità definite con i servizi competenti.

Con “servizi per l’impiego” si intendono tutti gli operatori pubblici e privati, che attraverso il processo di accreditamento, entrano a far parte di una rete territoriale idonea ad erogare servizi di supporto all’inserimento lavorativo dell’utente mirati ad orientare, informare e sostenere l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro.
L’utente, che accede liberamente ai servizi offerti dall’operatore prescelto, potrà beneficiare di un percorso personalizzato che lo guiderà alla ricerca attiva di un lavoro.

DOMANDA E OFFERTA DI LAVORO, LE NUOVE NORME

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.11 del 15 gennaio 2003 il decreto legislativo sul collocamento (n.297/2002), che modifica e corregge il precedente decreto legislativo n.181/2000, contenente le norme per agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.
In base alla nuova normativa i lavoratori che vorranno farsi accertare lo stato di disoccupazione (e percepire il relativo sussidio), dovranno presentarsi presso il centro per l’impiego competente per territorio entro 180 giorni dall’entrata in vigore del decreto (vale a dire: dal 30 gennaio 2003).
Saranno le Regioni a dettare i criteri per l’adozione, da parte dei servizi competenti, di procedure uniformi in materia di accertamento dello stato di disoccupazione.
Il decreto detta intanto i principi per l’individuazione dei soggetti potenziali destinatari di misure di promozione all’inserimento nel mercato del lavoro, e ne definisce, tenendo conto delle indicazioni comunitarie in materia, le condizioni di disoccupazione.

LO STATO DI DISOCCUPAZIONE

Si intende la condizione del disoccupato o dell’inoccupato che sia immediatamente disponibile allo svolgimento di un’attività lavorativa

LA PERDITA DELLO STATO DI DISOCCUPAZIONE

Da qui una delle principali modifiche rispetto al precedente decreto: le nuove disposizioni prevedono la perdita dello stato di disoccupazione in seguito al rifiuto “senza giustificato motivo di una congrua offerta di lavoro a tempo pieno ed indeterminato o determinato o di lavoro temporaneo”, se la durata del contratto a termine è superiore a 8 mesi (o a 4 mesi se si è lavoratori giovani, cioè con un età compresa tra i 18 e i 25 anni).
Lo stato di disoccupazione si perde anche se non ci si presenta, senza giustificato motivo, a una convocazione dei servizi per l’impiego.
Si mantiene, invece, se si svolge un’attività lavorativa in grado di assicurare un reddito uguale o inferiore al reddito minimo personale escluso da imposizione fiscale.

COSA FANNO I CENTRI PER L’IMPIEGO

I servizi per l’impiego dovranno sottoporre le persone senza lavoro ad un colloquio di orientamento entro tre mesi dall’inizio dello stato di disoccupazione. Entro sei mesi (quattro per gli adolescenti, i giovani e le donne) dovrà esserci almeno una proposta di adesione a iniziative di inserimento lavorativo, di formazione o di riqualificazione.

COSA SUCCEDE ALLE VECCHIE LISTE DI COLLOCAMENTO

Il decreto sopprime le liste di collocamento ordinarie e speciali ad eccezione di quelle per la chiamata numerica per i primi livelli del pubblico impiego.

CHIAMATA DIRETTA PER TUTTI

Si estende il principio dell’assunzione diretta. All’azienda basterà una comunicazione (contestuale all’assunzione) per dare notizia agli enti competenti dell’avvenuta assunzione. Una comunicazione va data entro cinque giorni anche in caso di trasformazione del tipo di rapporto di lavoro (ad esempio se si passa da un contratto a tempo determinato a uno a tempo indeterminato).

84 Commenti su COME FUNZIONA IL CENTRO PER L’IMPIEGO (EX UFFICIO DI COLLOCAMENTO)

  1. Mia figlia ha 14 anni si puo iscrivere all ufficio collocamento.

  2. Salve, io da poco mi sono iscritto al collocamento e percepisco una disoccupazione ordinaria, vorrei sapere se io sono iscritto al CPI posso iscrivermi anche in una agenzia interinale?

  3. Salve, mi sono appena registrato presso il CSL provinciale di Oristano collocazione obbligatoria, se la richiesta arriva da un’altra provincia tipo Sassari posso propormi?

    grazie

  4. Salve,
    tra il 2011 e il 2012 ho lavorato in Francia, il mio contratto di lavoro in un liceo è finito ad aprile 2012 da allora ho percepito la disoccupazione, ma adesso vorrei tornare in Italia ed iscrivermi al centro per l’impiego nella mia città Isernia, qualcuno sa dirmi che documenti servono e qual’è la procedura da seguire?
    Grazie mille

  5. Salve:
    vorrei sapere se il cambio de domicilio o residenza comporta la perdita dell’indennità di disoccupazione? vorrei trasferirmi ad un’altro comune…cosa mi consigliate di fare?

  6. salve, volevo chiedere visto ke dall ultimo contratto di lavoro cessato non sono piu ritornata all ufficio di collocamento ed e passato in bel po di tempo che succede li perdo gli anni di anzianita o posso in qualke modo reciperarli grazie

  7. Salve,
    ho fatto domanda di disoccupazione ed è stata accolta. Nel frattempo però ho dovuto fare un cambio residenza, cambiando comune ma la provincia è la stessa. Perdo la disoccupazione?
    Grazie

  8. ALESSANDRO // aprile 4, 2013 a 2:32 pm //

    Salve, ho un dubbio atroce.
    Nel 2010 mi sono dimesso dall’azienda presso cui lavoravo dopo quasi due anni.
    Esattamente mi sono dimesso nell’aprile di 3 anni fa. La comunicazione di fine rapporto l’ha fatta l’azienda stessa.
    Io non sono mai andato, da allora, al CIP della mia città; adesso mi chiedo, se qualcuno volesse assumermi usufruendo della legge 407, risulta comunque che non lavoro da 24 mesi?
    Non vorrei che ai fini della 407 io non abbia i requisiti, nonostante non lavori da 3 anni esatti
    grazie

  9. SALVE, MI SONO RECATA STAMANE AL CENTRO PER L’IMPIEGO, IN QUANTO HO RICEVUTO UN’OFFERTA LAVORATIVA CHE RICHIEDEVA I 24 MESI DI DISOCCUPAZIONE. AL CENTRO SONO ISCRITTA DAL 2010 E MI HANNO DETTO CHE NON AVEVO I 24 MESI DI DISOCCUPAZIONE DAL MOMENTO IN CUI AVENDO LAVORATO NEL 2011 SUPERO DI 3.60 EURO IL CUD CHE DOVREBBE ESSERE DI 8000 EURO NELL’ANNO 2011. POSSIBILE CHE PER TRE EURO E SESSANTA CENTESIMI IO PERDA QUELLI CHE ORA SAREBBERO I TRE ANNI DI DISOCCUPAZIONE????

  10. SALVE, MI SONO RECATA STAMANE AL CENTRO PER L’IMPIEGO, IN QUANTO HO RICEVUTO UN’OFFERTA LAVORATIVA CHE RICHIEDEVA I 24 MESI DI DISOCCUPAZIONE. AL CENTRO SONO ISCRITTA DAL 2010 E MI HANNO DETTO CHE NON AVEVO I 24 MESI DI DISOCCUPAZIONE DAL MOMENTO IN CUI AVENDO LAVORATO NEL 2011 SUPERO DI 3.60 EURO IL CUD CHE DOVREBBE ESSERE DI 8000 EURO NELL’ANNO 2011. POSSIBILE CHE PER TRE EURO E SESSANTA CENTESIMI IO PERDA QUELLI CHE ORA SAREBBERO I TRE ANNI DI DISOCCUPAZIONE????

  11. Salve! Dal 2008 ho lavorato per un’azienda di servizi all’infanzia con varie tipologie di contratto ( collaborazione, a progetto, tempo determinato) ora lavoro per la stessa azienda ma purtroppo a nero (da circa un anno ). Ho intenzione di iscrivermi al cenrro per l’impiego per trovare qualsiasi altro tipo di lavoro con contratto regolare. Nel frattempo ho diritto alla disoccupazione? Ed a quanto ammonta? Grazie infinite, Cristina.

  12. volevo sapere una informazione gentilmente, è possibile che il datore di lavoro va aprire la richiesta di lavoro all’operaio è alla fine del rapporto es. 20 giorni, alla chiusura del rapporto l’operaio si trova con le giornate lavorative in meno segnate . e possibile tutto questo
    non dovrebbe essere che se si lavora es 20giorni poi l operaio si dovrebbe trovare con le effettive giornate lavorative svolte? un mio parere ci dovrebbero essere maggiori controlli da parte del funzionario dell ufficio che dovrebbe contrlla

  13. volevo sapere una informazione gentilmente, è possibile che il datore di lavoro va aprire la richiesta di lavoro all’operaio è alla fine del rapporto es. 20 giorni, alla chiusura del rapporto l’operaio si trova con le giornate lavorative in meno segnate . e possibile tutto questo
    non dovrebbe essere che se si lavora es 20giorni poi l operaio si dovrebbe trovare con le effettive giornate lavorative svolte? un mio parere ci dovrebbero essere maggiori controlli da parte del funzionario dell ufficio che dovrebbe controllare l effettiva apertura e chiusura del rapporto x una maggiore tutela del lavoratore grazie x una vs, eventuale risposta

  14. antonio // maggio 2, 2013 a 4:13 pm //

    Ciao,
    mi sono iscritto al collocamento nel 2000 e (onestamente non ricordo benissimo)pare che una volta rinnovato fino al 2003 mi dissero che non c’era piu bisogno di farlo, quindi per capire se sono ancora iscritto cosa devo fare??? Grazie Mille

  15. VOLEVO SAPERE COME MAI NON MI POSSO ISCRIVERE AL COLLOCAMENTO AVENDO LA PARTITA IVA APERTA GRAZIE :)

  16. salve volevo chiedere una cosa ho la residenza a modena ..a fine luglio 2013 mi scade il contratto di lavoro ma per iscrivermi al collocamento posso iscrivermi pure a napoli?

  17. enrico » No, non è possibile devi scegliere uno dei due territori per l’iscrizione. Non ci si può iscrivere a due centri di collocamento diversi in diverse città. Infatti l’iscrizione all’elenco anagrafico è possibile solo nel Centro per l’Impiego competente per territorio, in al proprio domicilio, che ai fini dell’iscrizione deve essere uno ed uno solo, anche se diverso dalla residenza. Per esempio puoi avere residenza a Modena ma domicilio a Napoli e iscriverti al centro per l’impiego di Napoli. Oppure puoi avere domicilio e residenza a Modena, stare a Napoli finché non ti chiamano per un lavoro a Modena ed essere iscritto al centro per l’impiego di Modena.
    In caso di trasferimento del domicilio, la persona interessata deve presentarsi presso il Centro nel cui ambito territoriale è sito il luogo del nuovo domicilio, che si occuperà di trasferire la pratica relativa. Ogni comunicazione del Centro per l’Impiego sarà indirizzata al domicilio indicato dall’utente, il quale dovrà avere cura di comunicare al proprio Centro ogni eventuale variazione.

  18. Domenico // luglio 23, 2013 a 8:27 am //

    Salve, ho un rapporto libero professionale con la stessa azienda da circa 10 anni. Posso iscrivermi comunque ad in CPI? Eventualmente potrei iscrivermi anche ad un CPI di un’altra provincia? Grazie.

  19. Salve a tutti vi spiego la mia situazione: nell’anno 2011 sono stata assunta con contratto a progetto presso un call center per il quale ho lavorato solo 1 mese, dopo mi sono licenziata ma non sono andata al centro per l’impiego e non ne ho fatto comunicazione anche perchè non avevo nemmeno dichiarato la mia assunzione.
    Adesso una cooperativa, per assumermi a tempo indeterminato mi ha chiesto il certificato di disponibilità al lavoro e la 407. Ma voi credete che io l’abbia persa essendo stata assunta a progetto nel 2011? oppure essendomi licenziata io stessa nel 2011 anche se solo dopo un mese?
    grazie in anticipo a chi mi risponde!!

  20. salve vorrei un’informazione io ho un libretto di lavoro fatto molti anni fa nel libretto ci sono dei fogli dove c’è scritto periodo di disoccupazione e sono timbrati perciò vorrei sapere nella mia ignoranza se io risulto disoccupata ho inoccupata grazie.

  21. emy » Il libretto di lavoro non serve più, non si usa più da anni. Puoi tenerlo per ricordo. Se hai rinnovato l’iscrizione al centro unico per l’impiego (ex collocamento), allora sei disoccupata. Se invece non hai rinnovato l’iscrizione, sei non occupata. Per riavere lo status di disoccupata, se ti serve per ticket sanitari ecc. devi rifare l’iscrizione.

  22. MIGUEL ESTEBAN NUNEZ // gennaio 7, 2014 a 1:12 pm //

    BUON GIORNO,HO LETTO TANTE COMMENTI CE TANTE GENTE CHE POTREBBE EVITARE DELLE DOMANDE E TEMPO AI CENTRI PER CPI BASTA …COORDINARE INPS-INAIL-CPI …FRA LORO COMUNICARE E TUTTO SI RISOLVEREBBE IN TEMPO REALE …E AGGIUNGEREI AGENZIE DELLE ENTRATE PER LE DICHIARAZIONI DI REDDITI ANNUO…BUONA GIORNATA …

  23. Rita Cecilia // febbraio 6, 2014 a 7:20 pm //

    Salve, ho 21 anni e sono iscritta all’ex ufficio di collocamento da quando ne avevo 16. Non so di preciso il giorno e il mese (che ho necessità di sapere) di quando mi sono iscritta, ma vorrei solo sapere come posso cambiare il mio “stato” da studente (essendomi diplomata nel 2013) a inoccupata. Potete aiutarmi per entrambe le cose?

  24. Salve vorrei un informazione. Al centro per l’impiego chiedono la residenza o il domicilio. io ho la residenza nella casa dove vivo con i miei genitori, il cui comune fa capo al centro per l’impiego di civita castellana, ma sto cercando di rendermi autonoma e mi sono spostata a casa del mio ragazzo a viterbo. Perciò se volessi dare il mio domicilio a viterbo con lui per trovare lavoro con il centro per l’impiego di viterbo potrei dare come domicilio l’abitazione del mio ragazzo o dovrei essere inserita sul cotratto di affitto?

1 2 3

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*