DISOCCUPAZIONE CON REQUISITI RIDOTTI: COS’E’ E A CHI SPETTA

ATTENZIONE: LA NORMATIVA E’ CAMBIATA, LE NUOVE MODALITA’ E LA GUIDA COMPLETA LE TROVATE IN QUESTA PAGINA: COME RICHIEDERE LA MINI-ASPI (ex disoccupazione con requisiti ridotti)

Proseguiamo con l’ampliamento delle nostre guide utili (le altre le trovate nel menu a fianco “Le guide di Bloglavoro”). Oggi parliamo della disoccupazione con requisiti ridotti e di chi può richiederla.

A CHI SPETTA
Spetta ai lavoratori che non hanno 52 contributi settimanali comprensivi di quota di disoccupazione negli ultimi due anni, ma che:
nell’anno solare precedente la domanda hanno lavorato almeno 78 giornate, comprese le festività e le giornate di assenza indennizzate (malattia, maternità ecc.);
risultino assicurati da almeno due anni (devono avere, cioè, almeno un contributo settimanale comprensivo di quota di disoccupazione versato prima del biennio solare precedente l’anno di presentazione della domanda).

QUANTO SPETTA
Spetta, di regola, per un numero di giornate pari a quelle effettivamente lavorate nell’anno precedente e per un
massimo di 180 giornate.
L’importo è pari al 35% della retribuzione media giornaliera per i primi 120 giorni e al 40% per i giorni successivi, nei limiti di un importo massimo mensile lordo di 858,58 €, elevato a 1.031,93 € per i lavoratori che hanno una retribuzione lorda mensile superiore a 1.857,48 €.

LA DOMANDA
La domanda di indennità di disoccupazione con requisiti ridotti deve essere presentata all’Inps o presso gli Enti di patronato entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui è cessato il rapporto di lavoro. Il modulo di domanda è disponibile presso gli uffici Inps e sul sito www.inps.it, nella sezione moduli.
Ogni domanda per essere presa in esame deve contenere tutte le informazioni e la documentazione indispensabile, come previsto dall’articolo 1, comma 783 della legge 296/06.

IL PAGAMENTO
L’indennità può essere riscossa:

  • allo sportello di un qualsiasi ufficio postale del territorio nazionale
  • con bonifico sul proprio conto corrente bancario o postale;
  • Nel caso di accredito in conto corrente bancario o postale devono essere indicati anche gli estremi dell’ufficio pagatore
  • presso la banca in cui si intende riscuotere la prestazione, nonché il codice IBAN.

ATTENZIONE: LA NORMATIVA E’ CAMBIATA, LE NUOVE MODALITA’ E LA GUIDA COMPLETA LE TROVATE IN QUESTA PAGINA: COME RICHIEDERE LA MINI-ASPI (ex disoccupazione con requisiti ridotti)

1351 Commenti su DISOCCUPAZIONE CON REQUISITI RIDOTTI: COS’E’ E A CHI SPETTA

  1. *********************************************************************
    ATTENZIONE: LA NORMATIVA E’ CAMBIATA, LE NUOVE MODALITA’ E LA GUIDA COMPLETA LE TROVATE IN QUESTA PAGINA: COME RICHIEDERE LA MINI-ASPI (ex disoccupazione con requisiti ridotti)
    *********************************************************************

1 44 45 46

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. BlogLavoro.com » INDENNITA’ DI DISOCCUPAZIONE: IL 31 MARZO TERMINANO LE RICHIESTE

I commenti sono bloccati.