web analytics
News

NUOVO DECRETO SALVA PRECARI SCUOLA 2010/2011

ATTENZIONE IL DECRETO E' CAMBIATO IL 15 SETTEMBRE 2010, QUESTO ARTICOLO SOTTO NON E' PIU' VALIDO. LE NUOVE INDICAZIONI SONO CONTENUTE IN QUESTO NUOVO ARTICOLO CON DISCUSSIONE APERTA ------- Bene, si apprende che sindacati e MIUR sono già al lavoro sulla bozza del nuovo decreto salva-precari (vedi testo integrale di seguito). Queste le principali novità e i requisiti di accesso:
  1. Per accedere al salva precari 2010/2011 è necessario avere avuto un incarico annuale o fino al termine delle attività didattiche o di almeno 180 giorni di servizio in un'unica istituzione scolastica nell'anno scolastico 2008/09 (NON 2009/2010)
  2. La domanda dovrà essere presentata in settembre, ma non si sa ancora la data precisa
  3. Le graduatorie saranno quindi pronte presumibilmente in ottobre-novembre. Fino ad allora per le chiamate verranno utilizzati i vecchi elenchi salva-precari di quest'anno
Il testo integrale della bozza di decreto:

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

VISTO il decreto legge 25 settembre 2009, n.134, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2009, n.167, con particolare riferimento all’art. 1 cc. 2-3-4;

VISTO  il D.M. n. 82 del  29 settembre 2009, emanato in applicazione dell’articolo 1, commi 2, 3 e 4 del decreto, legge 25 settembre 2009, n.134, con il quale sono state dettate disposizioni per la costituzione di elenchi prioritari finalizzati al riconoscimento della precedenza assoluta nell’assegnazione delle supplenze conferite dai Dirigenti Scolastici dalle graduatorie di Circolo e d’Istituto per la sostituzione del personale temporaneamente assente;

VISTO il DM n. 100 del 17 dicembre 2009 che ha integrato i predetti  elenchi con l’ulteriore categoria di beneficiari individuati dalla legge di conversione del  succitato decreto legge n. 134 del 25 settembre 2009;

VISTO il DL n. 194 del 30 dicembre 2009 convertito con L. 26 febbraio 2010 n. 25 che sancisce la validità delle disposizioni di cui alla riferita :L 167 del 24 novembre 2009 anche per l’a.s. 2010-2011;

CONSIDERATA la necessità di dettare disposizioni per integrare gli elenchi prioritari costituiti ai sensi dei precitati DDMM 82 e 100 ,con i docenti  destinatari del medesimo beneficio, in virtù del DL 194/2009 convertito con L 25/10 ;

PER I MOTIVI espressi in premessa,

DECRETA :
Art. 1
Personale Destinatario
1)    Oltre  Il personale già inserito negli elenchi prioritari relativi all’a.s. 2009-2010 , che, in presenza dei requisiti previsti,  conserva il diritto a permanervi anche per l’a.s. 2010-2011, è destinatario, per l’a.s. 2010 2011 ,delle disposizioni del presente decreto anche l’ulteriore tipologia di personale sotto descritta:
personale docente  ed educativo, inserito a pieno titolo nell’a.s. 2010-2011 nelle graduatorie a esaurimento previste dall’art. 1, c. 605, lett. C della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e  personale ATA ,inserito a pieno titolo , per l’a.s. 2010-2011 nelle graduatorie permanenti di cui all’art. 554 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, nonché nelle graduatorie provinciali ad esaurimento di cui ai DD.MM. 19 aprile 2001, n. 75 e n. 35 del 24 marzo 2004.
2)Tale personale:  deve aver conseguito, nell’anno scolastico 2008/2009, nomina a tempo determinato di durata annuale o sino al termine delle attività didattiche o , attraverso le graduatorie d’istituto, una supplenza di almeno 180 giorni in un’unica istituzione scolastica, anche tramite proroghe o conferme contrattuali , per le classi di concorso, posti o profili professionali relativi alle graduatorie di cui al comma 1 e deve essersi trovato, a prescindere da qualsiasi situazione lavorativa  verificatasi nell’a.s. 2009-2010, nella condizione di non poter ottenere, per l’anno scolastico 2010-2011 , nomina per una delle suddette tipologie per carenza di posti disponibili o di averla ottenuta per un numero di ore inferiore a quello di cattedra o posto in assenza di disponibilità di cattedre o posti interi.
Tale ultima condizione,per coloro che hanno effettuato la prestazione lavorativa di 180 giorni nel 2008-2009, non può essere verificata alla data d’inizio dell’anno scolastico e pertanto il personale appartenente alla suddetta tipologia ha comunque titolo a rimanere negli elenchi prioritari o a presentare domanda .per l’inserimento ai sensi del successivo art.2
3)Sono esclusi dai benefici coloro che, nell’anno scolastico 2010-2011 , rinuncino ad una supplenza conferita per intero orario nell’ambito della graduatoria ad esaurimento nella provincia di appartenenza o dalle correlate graduatorie di circolo o di istituto.
4)    Rimane beneficiario delle disposizioni di cui al presente decreto il personale che, nel medesimo anno scolastico rinunci ad un contratto, nella provincia di appartenenza, per un numero di ore inferiore a quello di cattedra o posto, in assenza di disponibilità di posti interi ovvero che rinunci ad un contratto ., anche ad orario intero, essendo stato individuato quale avente titolo per effetto dell’inserimento in coda a tutte le fasce delle graduatorie delle province opzionali aggiuntive.
5)Il personale già incluso negli elenchi prioritari validi per l’a.s. 2009-2010 rimane nei medesimi elenchi validi per l’a.s. 2010-2011, secondo le opzioni provinciali e distrettuali già espresse, senza dover presentare alcuna nuova domanda
6) Il personale non incluso nei predetti elenchi prioritari validi per l’a.s. 2009-2010 presenterà specifica domanda per l’inclusione, in base al relativo punteggio , negli elenchi prioritari validi per l’a.s. 2010-2011 entro il 15 settembre 2010 secondo modalità stabilite dal successivo  articolo 2.
7)    Il personale di cui all’art. 1 è utilizzato  per le supplenze conferite dai dirigenti scolastici per effetto dell’ assenza del personale in servizio nella scuola per tutti gli insegnamenti o i profili professionali per i quali è iscritto, rispettivamente,  nelle graduatorie ad esaurimento per quanto riguarda i docenti  e nelle graduatorie permanenti e ad esaurimento per quanto riguarda il personale A.T.A., con precedenza assoluta rispetto al personale inserito nelle graduatorie di circolo o di istituto. Detta precedenza è riconosciuta, secondo l’ordine di graduatoria, anche ai fini del completamento d’orario, in caso di stipula di contratto con orario inferiore a quello di cattedra o posto di insegnamento sia nella provincia di appartenenza (dove è stata valutata l’istanza di partecipazione alla procedura delle graduatorie ad esaurimento) che in una delle province opzionali aggiuntive, fermo restando che il completamento può avvenire solo nell’ambito della provincia in cui il contratto è stato stipulato
8)    Il personale docente e educativo ha diritto al riconoscimento della valutazione dell’intero anno di servizio ai soli fini dell’attribuzione del punteggio nelle graduatorie ad esaurimento previste dall’art. 1, comma 605, lett. C della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
Il personale  A.T.A inserito nelle graduatorie permanenti di cui all’art. 554 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 nonché nelle graduatorie provinciali a esaurimento di cui ai DD.MM. 19 aprile 2001, n.75 e n. 35 del 24 marzo-2004, ha diritto all’attribuzione  dello stesso punteggio conseguito nell’anno scolastico 2008/2009, da utilizzare in occasione dell’ aggiornamento delle graduatorie permanenti o per l’inserimento in esse.
Il punteggio viene attribuito per la medesima classe di concorso, posto di insegnamento, profilo professionale per il quale l’interessato ha prestato utilmente  servizio nell’a.s. 2008-2009.
9)    Le disposizioni del presente decreto non si applicano nei confronti del personale destinatario di contratto a tempo indeterminato in qualunque provincia o collocato a riposo con decorrenza  dal 1° settembre 2010.

art. 2)

Presentazione Istanze

.
1)     Il personale interessato presenta apposita istanza, entro il termine perentorio del 15 settembre 2010, dichiarando la propria  disponibilità,  secondo il modello allegato, indirizzato ad uno degli Uffici seguenti per il tramite dell’istituzione scolastica in cui ha prestato servizio nell’a.s. 2008/2009:
- alla sede provinciale dell’ufficio scolastico regionale che ha gestito la graduatoria ad esaurimento di appartenenza, per i docenti e, per il personale ATA, le graduatorie permanenti di cui all’art. 554 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, nonché quelle provinciali ad esaurimento di cui ai DD.MM. 19 aprile 2001, n. 75 e n. 35 del 24 marzo 2004;
- alla sede provinciale dell’ufficio scolastico regionale nella cui graduatoria di circolo o istituto è inserito per l’a.s. 2010/2011;
- in via obbligatoria, –ai fini del completamento d’orario -alla sede provinciale dell’ufficio scolastico regionale nella cui graduatoria ad esaurimento il personale docente è inserito, qualora stipuli, nell’anno scolastico 2010/2011, contratto  a tempo determinato di durata annuale o sino al termine delle attività didattiche per un numero di ore inferiore a quello di cattedra o posto.
2)    Qualora la provincia nella quale l’interessato ha dichiarato la propria disponibilità sia diversa da quella in cui risulta inserito nelle graduatorie di circolo e di istituto, la sua inclusione in queste ultime si intende sospesa finché fruisce dei benefici di cui al presente provvedimento, tranne il caso che sia destinatario di eventuali supplenze annuali e sino al termine delle attività didattiche.
3)    Allo scopo di rendere più agevoli le operazioni da parte delle scuole, nonché per il migliore espletamento del servizio da parte degli interessati, la scelta delle sedi deve essere operata per distretti. Ne consegue che nell’istanza in questione devono essere indicati, con il vincolo di un numero minimo da rispettare, i distretti scolastici in cui il personale intende prestare servizio, scegliendo:
-almeno 2 distretti, qualora il territorio sia suddiviso in numero di distretti compreso da 2 a 5;
-almeno 3 distretti, qualora il territorio sia suddiviso in numero di distretti  compreso da 6 a  10;
- almeno 4 distretti, qualora il territorio sia suddiviso in numero di distretti compreso da 11 a 16;
- almeno 5 distretti, qualora il territorio sia suddiviso in numero di distretti maggiore di 16
Per le supplenze brevi, sino a 10 giorni, nelle scuole dell’infanzia e primaria, disciplinate dall’art. 5, c.6 e dall’art. 7 c.7 del Regolamento sul conferimento delle supplenze adottato con DM. 131/07, può essere indicato 1 solo distretto nell’ambito di quelli prescelti.

.

Art. 3
Costituzione Elenchi Prioritari Integrati

1)    Il personale beneficiario – sia già incluso negli elenchi prioritari relativi all’a.s. 2009-2010 , sia incluso a seguito di presentazione domanda ai sensi del precedente art.2, è inserito in elenchi unici integrati a carattere provinciale  o sub provinciale, divisi per tipologia di posto, classe di concorso o profilo professionale, ordinati in rigoroso ordine di graduatoria, secondo, la posizione di fascia, i punteggi e le eventuali precedenze possedute dai docenti nella graduatoria ad esaurimento di appartenenza ovvero, dal personale A.T.A., nelle graduatorie permanenti – e in subordine in quelle ad esaurimento – citate all’art.1.
Qualora l’interessato abbia chiesto di essere incluso negli elenchi prioritari in una delle province opzionali aggiuntive, ai fini del completamento orario la sua posizione rimane comunque subordinata rispetto agli aspiranti, beneficiari delle disposizioni di precedenza di cui al presente decreto, inclusi nella graduatoria ad esaurimento di appartenenza di tale provincia, a meno che la provincia non coincida con quella in cui è inserito nelle graduatoria di circolo o di istituto.
2)    Per facilitare la convocazione del personale di cui al presente decreto sono messe a disposizione delle istituzioni scolastiche specifiche procedure informatiche che consentono di verificarne lo stato di occupazione  o di disoccupazione. Per l’utilizzo di tali procedure è indispensabile che siano immediatamente registrati,relativamente all’a.s. 2010-2011 a cura delle istituzioni scolastiche, tutti i contratti di supplenza stipulati e le rinunce immotivate o effettuate senza giustificato motivo.

Art. 4
Modalità di Utilizzo degli Elenchi Prioritari

1)    Coloro che siano impegnati nella scuola dell’infanzia o primaria in supplenze di durata sino a 10 giorni, disciplinate dall’art.5, comma 6 e dall’art. 7, comma 7 del Regolamento sul conferimento delle supplenze adottato con D.M. 131/07, mantengono il diritto ad essere interpellati per supplenze di durata superiore.
2)    Coloro che siano impegnati in progetti attivati ai sensi di specifiche Convenzioni stipulate con le Regioni non possono accettare, durante lo svolgimento dei progetti stessi, supplenze temporanee con le procedure di cui al presente decreto, salvo diversa previsione delle singole
1 Convenzioni.
Art 5
Accettazione e rinunce

1)    Il personale che produce istanza ai sensi del presente decreto è obbligato ad accettare qualunque proposta di supplenza, all’interno delle preferenze espresse nella domanda, salvo quella che, ai sensi del precedente articolo, viene offerta in corso di altro contratto.
2)    La rinuncia immotivata o senza giustificato motivo a una proposta di contratto comporta la decadenza dal diritto ad essere interpellato per ulteriori proposte di contratto secondo le procedure di cui al presente decreto, la conseguente perdita del diritto all’attribuzione del punteggio relativo all’anno scolastico, salvo il diritto all’attribuzione di quello maturato in ragione del servizio effettivamente svolto, nonché la perdita del diritto all’indennità di disoccupazione di cui all’art. 1 quinquies del decreto legge 5 ottobre 2004, n. 249, convertito con modificazioni dalla legge 3 dicembre 2004, n. 291, eventualmente percepita.
3)    Nessuna penalizzazione viene applicata nel caso in cui il personale rinunci alla supplenza, anche in corso, per accettare un incarico annuale o fino al termine delle attività didattiche resosi disponibile successivamente o in quanto destinatario di progetti ai sensi di specifiche convenzioni stipulate tra questo Ministero e le Regioni.
4)    Nessuna penalizzazione viene applicata, altresì, in caso di rinuncia per l’essere impegnati nell’espletamento di supplenza temporanea conferita in virtù di legittima inclusione nelle graduatorie di circolo o di istituto.
Analogamente non è penalizzato chi, nelle more della pubblicazione dei nuovi  elenchi prioritari integrati  abbia accettato una supplenza per effetto dell’inserimento nelle graduatorie di circolo o
di istituto, in provincia diversa, semprechè tale supplenza perduri al momento della chiamata
dall’elenco prioritario

.

Art. 5

Validità Elenchi Prioritari

Le disposizioni del presente decreto si applicano a partire dalla data di diffusione dei nuovi elenchi.integrati Fino a tale data rimangono validi gli elenchi prioritari relativi all’a.s. 2009-2010.
Per quanto non espressamente disciplinato dal presente decreto, valgono le disposizioni di cui al D.M. 27 giugno 2007, n. 131e al D.M. 13 dicembre 2000, n. 430, con i quali sono stati adottati rispettivamente, i Regolamenti per il conferimento delle supplenze al personale docente e al personale A.T.A..

Roma,             2010

IL MINISTRO

139 Commenti su NUOVO DECRETO SALVA PRECARI SCUOLA 2010/2011

  1. @Antonella: sei riuscita a fare esattamente tutto il possibile per farti escludere dal salvaprecari… non saprei cosa consigliarti perché con rinuncia e addirittura mancata presentazione alla convocazione non puoi proprio, il decreto è chiaro. Prova comunque a sentire un sindacato, ma al 99,99% non puoi proprio fare nulla.

    @Maria: inferiore a sei ore c’è la ripartizione al personale in servizio, quindi non si pone proprio il problema.I DS chiameranno ora dalle GI fino ad avente diritto e quando saranno pronti gli elenchi prioritari chiameranno da lì

    @Chiara: vedi la risposta di Maria sopra, comunque avevamo già risposto più volte su questo punto, per cortesia leggete prima di rifare le stesse domande…

    @Nicola: se rientri lo devi vedere tu leggendo l’articolo sopra, io non posso sapere per quanti giorni hai lavorato :) Se lasci un incarico assegnato con il salvaprecari, poi potresti essere escluso l’anno successivo

  2. @Annamaria: non puoi se sei già assegnataria di contratti

    @Antonella: quella è la data di presentazione delle domande, non di entrata in vigore degli elenchi :) finché non ci sono gli elenchi nuovi, utilizzano le vecchie GI

    @Patrizia: ricorso, subito. Rivolgiti all’ufficio vertenze di un sindacato scuola vicino a te, se non ne hai uno suggerisco Gilda degli Insegnanti e FLC della CGIL, sono i maggiori. Potrebbero essere però decorsi i termini per il ricorso, senti il legale del sindacato.

  3. @Claudia: non ho la sfera di cristallo per dirti cosa riserva il futuro purtroppo :) posso solo dirti che sicuramente se ora vieni nominata da GI fino ad avente diritto e poi con le graduatorie salvaprecari qualcuno con più punteggio di te si presenta, in quel caso ha diritto a prendere il tuo posto. Tu tieni comunque il punteggio maturato fino ad allora.

    @Lino: i ricorsi presentati. ruoli da 10924/09 a 10945/09 del TAR del Lazio, sono ancora in attesa delle decisioni del TAR Lazio a seguito dell’udienza del 21 gennaio.Ma proprio nella udienza cautelare del 21 gennaio sono stati già espressi pareri favorevoli, quindi ormai il passaggio è quasi prettamente burocratico. Se vuoi ricorrere, ti segnalo che l’ANIEF raccoglie le adesioni fino al 17 settembre, non oltre, basta andare in qualsiasi sede di questo sindacato e chiedere di ricorrere per il salvaprecari (mancata inclusione)

  4. @G E TUTTI QUELLI CHE HANNO FATTO SUPPLENZE NEL 2009/2010:

    Convocati con urgenza dal MIUR, dietro sollecitazione delle organizzazioni sindacali si è discussa in data odierna la bozza del provvedimento d´ integrazione al DM 68/10, per consentire l´ inserimento negli elenchi prioritari, oltre a coloro che hanno sciolto la riserva nelle graduatorie ad esaurimento per il 2010/11, anche ai docenti che nell´ anno scolastico 2009/10 hanno stipulato un contratto a tempo determinato di durata annuale o fino al termine delle attività didattiche, oppure – attraverso le graduatorie d´ istituto – per almeno 180 gg. in un´ unica istituzione scolastica, anche mediante proroghe o conferme del medesimo contratto e che nel 2010/11 si sono trovati nell´ impossibilità di ottenere una nomina ad orario intero.

    Anche per costoro le domande dovranno essere presentate dal 15 al 30 settembre 2010.

    L´ amministrazione acolastica, sentite le OO.SS., determinerà le modalità d´ inserimento, integrando la modulistica e, pertanto, non va utilizzata quella allegata al DM 68/10.

    Si ricorda che la domanda va presentata da tutti indistintamente anche da parte di coloro che risultavano già inseriti nei precedenti elenchi.

    E´ stato ribadito, infine, che tutti coloro che, inseriti negli elenchi prioritari ai sensi del DM 100/09, non si vedono ancora corrispondere l´ indennità di disoccupazione devono presentare alla sede INPS un´ autocertificazione da cui risulti il loro inserimento nell´ elenco compilato dall´ ufficio scolastico competente per territorio.

  5. PAOLA: il modello per presentare la domanda puoi scaricarlo da qui:

    MODELLO DOMANDE

  6. @Patricia: sì se non ti vengono assegnati altri incarichi. tu in ogni caso presenta la domanda, se poi ti viene proposto un incarico lo prendi

    @francesco: non si capisce: hai lavorato o eri disoccupato?

    @terry: sì, devi però attendere il decreto per il TFA. Per capire cos’è e come fare, leggi qui:
    http://www.bloglavoro.com/2010/05/10/facciamo-il-punto-su-tfa-abilitazione-e-concorso-per-la-scuola.htm

  7. @Susy; bentornata dalle vacanze, divertita? ecco, l’urgenza è per te, non per noi. Noi eravamo qui anche nei mesi estivi a dare risposte con la dovuta calma e ponderatezza, cosa che continuiamo a fare. Quindi l’urgenza chiedila altrove, magari a pagamento ;) La domanda ti conviene presentarla comunque. Se nel frattempo ti arrivano delle supplenze prendile ma comunque saranno da GI e fino ad avente diritto. quando ci saranno attive le graduatorie del salvaprecari se ne riparla sia per te (se ti fai includere) sia per gli altri aventi diritto, esattamente come lo scorso anno.

    @Florindo: solo la priorità in caso di punteggio uguale, almeno così ci risulta ma non è chiaro perché non viene detto espressamente. Di solito quando non c’è espresso altro, è solo priorità su pari punteggio

  8. @Saverio: per le nuove direttive ancora in corso di approvazione in pratica sì (vedi sopra)

    @Giovanni: tutti quelli che elenchi sono rinunciatari (chi non si è presentato in teoria doveva farlo solo se aveva già un altro incarico)

    @Roberta: certamente. DEVI presentarla.

  9. Scusate ma secondo la nota Ministeriale Prot. n. AOODGPER 8186 del 10 settembre 2010 del così recita:
    “Dal prossimo 16 settembre sarà resa disponibile l’applicazione di convocazione dalle graduatorie d’istituto di prima, seconda e terza fascia per l’a.s. 2010/2011.In attesa del completamento delle attività di predisposizione degli elenchi prioritari, le convocazioni dovranno essere effettuate a titolo definitivo dalle graduatorie suddette.
    Gli elenchi prioritari saranno operativi dalla data di pubblicazione delle graduatorie definitive.”
    Per cui non si deve aspettare alcun avente diritto degli elenchi prioritari, se la supplenza è stata data prima dell’entrata in vigore degli elenchi prioritari e qunidi tramite graduatorie istituto sono a “titolo definitivo” e non fino all’avente diritto così se ci son proroghe vanno sempre a chi c’è già. Scusate ma secondo me è importante chiarirlo.

  10. francesco 60 // settembre 14, 2010 a 6:41 pm //

    ho lavorato nell’anno scolastico settembre 2008/giuno2009
    ho percepito la disoccupazione da luglio 2009 a giugno 2010

  11. Scusate vorrei sapere se per tutti coloro che scelgono di NON fare il salva precari quest’anno, ci sia la possibilità (come l’anno scorso nella nota uscita in dicembre) di inserire il punteggio nella classe di concorso preferita.
    Grazie.

  12. x Luca.
    Quanto hai ragione…la tua analisi sulle elettrici ed elettori del cavaliere è tra le più lucide e sacrosante che io abbia ascoltato negli ultimi anni. Auguri.

  13. gentile redazione…..perche nn rispondete alla mia domanda postata l’8 sett?

    Sono un ata di 1 fascia. Nell’a.s. 2008/09 ho lavorato part-time per 8 mesi e nell’a.s. 2009/10 per 11 mesi, rientro nel decreto salva-precari? ad Ottobre dovrei iniziare a lavorare come docente in una scuola di formazione (quindi altro profilo e non scuola statale), ho diritto cmq ad usufruire dell’eventuale decreto? grazie….

  14. Non ho trovato altra traccia, al di fuori di questo meritorio sito, dell’allargamento del salva-precari a chi ha maturato i requisiti nell’a.s. 2009/2010. C’è qualche novità e magari qualche link a documenti ufficiali?

    Grazie in anticipo.

  15. ancora una volta “santa mariastella” salva tutti…o nessuno.
    Allora dobbiamo pregare affinchè diventi beata con l’aiuto del Signore, solo cosi, dall’ alto potrà salvare i precari!!!

  16. Buongiorno redazione, ho lavorato nell’ anno scolastico 2007/2008 , 2008/2009 e 2009/2010 come personale ATA e tutt’oggi sono inserita nella graduatoria d’istituto di terza fascia, e, NON nella graduatoria permanente perchè non c’è l’ho fatta x questioni di pochi giorni. Posso comunque compilare ugualmente la domanda salva – precari o non mi viene accettata?
    Grazie. Confido in una Vs. risposta.

  17. Salve,
    nell’anno 2008/2009 ho avuto un contratto come CS da febbraio fino al 30/06, termine delle attività didattiche. Ora sono inserito in prima fascia.
    Posso fare la domanda salva precari anche se il contratto non è annuale?
    Inoltre, se si, la scuola dove ho lavorato non esiste più, si è unita con un’altra, dovrei presentare la domanda in quest’ultima?
    Grazie!

  18. Ho trovato su di un altro sito il nuovo decreto 80.2010 e il relativo modello di domanda. Ho notato con orrore che sembrano esclusi gli appartenenti al personale ATA di terza fascia che nell’anno 2009/2010 abbiano fatto 180 giorni in una singola istituzione scolastica. Mi confermate questa brutta impressione? Cosa ne sarebbe dell’art. 2 della legge 167/2009 che aggiungeva l’anno scorso la possibilità di fare domanda anche a chi era nelle graduatorie di circolo/istituto? Il modello è fatto veramente male.

  19. ************************
    AVVISO IMPORTANTISSIMO PER TUTTI
    ***********************

    I MODELLI DA COMPILARE PER IL SALVAPRECARI SONO CAMBIATI, PER TUTTI. I NUOVI MODELLI EMESSI OGGI LI TROVATE QUI:
    http://www.bloglavoro.com/2010/09/15/nuovo-modello-salvaprecari-accedono-anche-quelli-con-servizio-20092010.htm

    INOLTRE E’ STATO MODIFICATO IL DECRETO 68/10 OGGI 15 SETTEMBRE 2010, PERTANTO ORA POSSONO ACCEDERE ANCHE COLORO CHE HANNO PRESTATO SERVIZIO NEL 2009/2010 (EVVIVAAAA!!!! :D )

    ************************************

    I COMMENTI QUI VENGONO CHIUSI, ALTRIMENTI SI GENERA TROPPA CONFUSIONE. VI CHIEDIAMO CORTESEMENTE DI RIPROPORRE LE DOMANDE (CHI NE AVESSE BISOGNO) DOPO AVER LETTO IL NUOVO REGOLAMENTO, DIRETTAMENTE QUI NEL NUOVO SPAZIO:

    http://www.bloglavoro.com/2010/09/15/nuovo-modello-salvaprecari-accedono-anche-quelli-con-servizio-20092010.htm

1 3 4 5

2 Trackbacks & Pingbacks

  1. BlogLavoro.com » DECRETO SALVAPRECARI: DAL 15 AL 30 SETTEMBRE SI PRESENTANO LE DOMANDE
  2. BlogLavoro.com » NUOVO MODELLO SALVAPRECARI: ACCEDONO ANCHE QUELLI CON SERVIZIO 2009/2010 !

I commenti sono bloccati.