VOUCHER: COME FUNZIONA IL LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO CON I BUONI

Negli ultimi due anni varie fonti normative hanno disciplinato la regolamentazione delle prestazioni di lavoro occasionale di tipo accessorio, individuando nell’INPS il ruolo di concessionario del servizio, estendendo progressivamente l’ambito di utilizzo di questa modalità di lavoro.

Il sistema dei ‘buoni’ (voucher)

Il pagamento delle prestazioni di lavoro occasionale accessorio avviene attraverso il meccanismo dei ‘buoni’, il cui valore nominale è pari a 10 euro.

E’, inoltre, disponibile un buono ‘multiplo’, del valore di 50 euro equivalente a cinque buoni non separabili ed un buono da 20 euro equivalente a due buoni non separabili.

Il valore nominale è comprensivo della contribuzione (pari al 13%) a favore della gestione separata INPS, che viene accreditata sulla posizione individuale contributiva del prestatore; di quella in favore dell’INAIL per l’assicurazione anti-infortuni (7%) e di un compenso al concessionario (Inps), per la gestione del servizio, pari al 5%.
Il valore netto del voucher da 10 euro nominali, cioè il corrispettivo netto della prestazione, in favore del prestatore, è quindi pari a 7,50 euro. Il valore netto del buono ‘multiplo’ da 50 euro, cioè il corrispettivo netto della prestazione, in favore del lavoratore, è quindi pari a 37,50 euro; quello del buono da 20 euro è pari a 15 euro.

Attenzione: Se le prestazioni occasionali accessorie sono svolte per imprese familiari di cui all’art. 70, comma 1, lettera g) del D.Lgs. n. 276/03 – per cui trova applicazione la normale disciplina contributiva e assicurativa del lavoro subordinato – il valore nominale del voucher è comprensivo della contribuzione (pari al 33%) a favore del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, di quella in favore dell’INAIL (4%) e di una quota al concessionario (INPS) pari al 5%, per la gestione del servizio.
Pertanto, il valore netto del voucher da 10 euro nominali, cioè il corrispettivo netto della prestazione, in favore del prestatore, è in tal caso pari a 5,80 euro.

I buoni (voucher) sono disponibili per l’acquisto su tutto il territorio nazionale, presso le Sedi INPS.

I buoni ‘cartacei’ acquistati dal committente, e non utilizzati, sono rimborsabili esclusivamente restituendoli presso le Sedi Inps, le quali emetteranno a favore del datore di lavoro un bonifico domiciliato per il loro controvalore e rilasceranno una ricevuta.

Acquisto buoni lavoro

L’acquisto dei buoni-lavoro può avvenire mediante le seguenti procedure:
la procedura cartacea
la procedura telematica
l’acquisto presso i rivenditori di generi di monopolio autorizzati
La procedura telematica è accessibile dalla pagina ‘Accesso ai servizi’ di questa sezione oppure dal sito istituzionale www.inps.it, nella sezione Servizi On-Line/Per il cittadino/Lavoro occasionale accessorio/Accesso ai servizi.

Attenzione: Per le prestazioni occasionali accessorie rese nell’ambito dell’impresa familiare di cui all’art. 70, comma 1, lettera g) del D.Lgs. n. 276/03 – per cui si utilizzano i ‘buoni a contribuzione ordinaria’ – è previsto esclusivamente l’utilizzo della procedura con voucher telematico.

Riscossione buoni lavoro

La riscossione dei buoni cartacei da parte dei prestatori/lavoratori può avvenire presso tutti gli uffici postali sul territorio nazionale.

Per consentire la riscuotibilità del voucher presso gli uffici postali e il corretto accredito dei contributi previdenziali e assistenziali, si raccomanda di indicare tutte le informazioni richieste dal buono lavoro, compilando i campi relativi al codice fiscale del committente/datore di lavoro, codice fiscale del prestatore/lavoratore, data di inizio e di fine prestazione.

Per quanto riguarda la procedura telematica, si evidenzia che in caso di cambio di indirizzo da parte del prestatore, l’Istituto non risponde delle conseguenze del mancato ricevimento di comunicazioni, INPSCard, bonifici domiciliati e dei conseguenti ritardi nella riscossione.

Per comunicare un indirizzo diverso rispetto a quello registrato nella procedura in origine e confermato al Contact Center, si invita a recarsi presso una Sede INPS provinciale per la sostituzione in archivio e l’automatico invio della comunicazione corretta a Posteitaliane.

I voucher acquistati presso i rivenditori di generi di monopolio autorizzati – individuabili tramite un’apposita vetrofania – possono essere riscossi nella relativa ‘rete tabaccai’.

3 Commenti su VOUCHER: COME FUNZIONA IL LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO CON I BUONI

  1. Buongiorno a Voi, gradirei sapere se possibile il tetto massimo in Euro oltre il quale non mi convenga più prestare lavoro occasionale.
    Mi spiego meglio: io ho un lavoro a tempo indeterminato e occasionalmente vengo arruolato in un catering e faccio il cameriere in matrimoni o manifestazioni varie.
    Facendo ogni anno la denuncia dei redditi non vorrei che questaltranno avessi brutte sorprese da pagare visto la fatica che faccio.
    Se possibile rispondetemi via mail.
    Un grazie ancora.

  2. Maria Teresa Gemo // 27 luglio 2013 a 10:37 //

    Vorrei sapere se il lavoratore da retribuire con vocher deve essere scelto tra una rosa di nomi da comunicare precedentemente all’INPS o a qualche altro ente. Avrei bisogno di utiilizzare questo tipo di rapporto nell’ambito della ristorazione.

  3. Maria Teresa Gemo » Se il lavoratore è già iscritto a INAIL e gestione separata INPS, non deve comunicare nulla. Se invece lavora per la prima volta o non è ancora iscritto per altri motivi, è il lavoratore a dover aprire la sua posizione contributiva presso INAIL e gestione separata INPS. Le consiglio comunque di accertarsi che lo faccia, anche se non è compito suo fare questa iscrizione. Però in caso di infortuni, è sempre meglio che tutto sia già in regola.
    Da lì in poi, il voucher sostituisce qualsiasi comunicazione con INPS e INAIL: il valore nominale di ogni voucher è comprensivo della contribuzione (pari al 13%) a favore della gestione separata INPS, che viene accreditata sulla posizione individuale contributiva del prestatore; di quella in favore dell’INAIL per l’assicurazione anti-infortuni (7%) e di un compenso al concessionario (Inps), per la gestione del servizio, pari al 5%. Quindi: tutto già fatto con il voucher e gli importi vengono versati automaticamente quando il voucher viene riscosso dal lavoratore.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*