INCENTIVO PER ASSUNZIONI DI GIOVANI E DONNE: 12MILA EURO A STABILIZZATO

Il decreto interministeriale che promuove l’assunzione di giovani e donne presso aziende private è stato finalmente firmato. Il decreto permette di riconoscere ad aziende private dei benefici fiscali e incentivi in caso di assunzione di donne e giovani. Trattandosi di una misura di carattere straordinario, conta su risorse notevoli, in questo caso 230 milioni di euro che andranno a coprire gli incentivi per i rapporti di lavoro stabilizzati o attivati entro il 31 marzo 2013.

Al singolo datore di lavoro viene riconosciuto un importo di circa 12.000 euro in caso di trasformazione di un contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato. In pratica, l’incentivo riguarda quanti decideranno di far passare i propri lavoratori attualmente in collaborazione coordinata e continuativa, progetto o associazione di partecipazione (cooperative) all’assunzione a tempo indeterminato. L’incentivo, in pratica va a coprire quasi completamente il primo anno di contributi che l’impresa deve versare per il lavoratore. I contratti dovranno essere stipulati per lavoratori giovani fino a 29 anni di età oppure con lavoratrici indipendentemente dall’età.

Queste forme di stabilizzazione ovviamente vanno riferite a contratti di lavoro in essere oppure cessati da non più di sei mesi. La stabilizzazione può avvenire solo con il passaggio al contratto a tempo indeterminato secondo ccnl di appartenenza dell’azienda. Il contratto a tempo indeterminato può essere anche part-time.

Ci sono anche incentivi ridotti per l’assunzione a tempo determinato di giovani e donne: 3mila euro per contratti di lavoro di durata non inferiore a 12 mesi; 4mila euro per contratti di durata superiore ai 18 mesi; 6mila euro per contratti con durata superiore a due anni (24 mesi).

La gestione della misura straordinaria è affidata all’INPS, che distribuirà gli incentivi rispetto all’ordine cronologico di presentazione della domanda, entro il limite delle risorse messe a disposizione. Maggiori informazioni direttamente nella propria sede INPS.

I rapporti di lavoro che riguardano questa misura vanno stabilizzati o attivati entro e non oltre il 31 marzo 2013.

9 Commenti su INCENTIVO PER ASSUNZIONI DI GIOVANI E DONNE: 12MILA EURO A STABILIZZATO

  1. L’ennesima cavolata!!
    Ancora non hanno capito che sta politica di aiuti ed incentivi non funziona!
    DOVETE RIDURRE LA PRESSIONE FISCALEEE!!!!!

  2. valerio // 13 ottobre 2012 a 16:10 //

    ma quale pressione fiscale d’egitto… E’ da sempre che le aziende possono assumere personale con contratto di apprendistato (leggasi manodopera sottopagata) risparmiando quindi un sacco di soldi; chi non assumere, è perchè non ne ha voglia, in quando i modi per risparmiare ci sono sempre stati, anche senza l’ausilio di incentivi

  3. valerio // 13 ottobre 2012 a 16:11 //

    ma quale pressione fiscale d’egitto… E’ da sempre che le aziende possono assumere personale con contratto di apprendistato (leggasi manodopera sottopagata) risparmiando quindi un sacco di soldi; chi non assume è perchè non ne ha voglia, in quanto i modi per risparmiare ci sono sempre stati, anche senza l’ausilio di incentivi

  4. E secondo te perchè le aziende non hanno voglia di assumere?
    Ma tu hai idea di quanto costi un lavoratore?
    Gira e rigira e la questione è sempre quella: in Italia la pressione fiscale ti mette la zappa ai piedi.

  5. non assumono, perchè non hanno bisogno di nuovo personale, semplice.

  6. raffaella // 19 ottobre 2012 a 11:10 //

    IO HO ASSUNTO IL 16/10/2012 MA PARE CHE SIA STATA TAGLIATA FUORI ,PERCHE’ FA FEDE LA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL DECRETO CIOE’ 17/10/2012 E NON LA DATA DELLA FIRMA DEL DECRETO INTERMINISTERIALE 06/10/12 . TUTTO CIO’ MI SEMBRA ASSURDO.

  7. raffaella » e’ sempre stato così comunque, il suo commercialista o chi ha curato l’assunzione doveva dirglielo, se non l’ha fatto è un incompetente e dovrebbe farsi risarcire, tanto i commercialisti hanno un’assicurazione obbligatoria per questi tipi di errore. Se invece ha fatto da sola… ecco un buon motivo per utilizzare un professionista in questi casi.

  8. Qualcuno mi sa dire se i 12.000 sono validi anche per un contratto a chiamata trasformato in tempo indeterminato part-time? Grazie

  9. Concordo con Giulio. Non serve l’incentivo una tantum, le imprese vogliono certezze. Hanno bisogno di personale, ma non assumono o, se assumono, lo fanno a tempo determinato e non hanno voglia di investire nella formazione. Questa politica fiscale danneggia tutti e crea un circolo vizioso che porterà il Paese alla rovina.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*