ADDIO AL DURC, NEI CANTIERI BASTA L’AUTOCERTIFICAZIONE

E’ stato snellito l’iter burocratico per i cantieri edili, infatti imprese e lavoratori autonomi non dovranno più produrre il Durc per la propria regolarità contributiva: basterà una dichiarazione sostitutiva da parte del legale rappresentante o dello stesso lavoratore autonomo.

Il DURC, documento unico di regolarità contributiva, è l’attestazione dell’assolvimento, da parte dell’impresa, degli obblighi legislativi e contrattuali nei confronti di INPS, INAIL e Cassa Edile. Serve per tutti gli appalti e subappalti di lavori pubblici (verifica dei requisiti per la partecipazione alle gare, aggiudicazione alle gare aggiudicazione dell’appalto, stipula del contratto, stati d’avanzamento lavori, liquidazioni finali), per i lavori privati soggetti al rilascio della concessione edilizia o alla DIA, per le attestazioni SOA.

La modifica, all’esame del consiglio dei ministri, riguarda l’articolo 90 del Testo unico sulla sicurezza (dlgs n. 81/2008), relativo agli obblighi per il committente o responsabile dei lavori nei cantieri. La norma stabilisce che il committente o il responsabile dei lavori, nelle fasi di progettazione dell’opera, abbiano l’obbligo di attenersi ai principi e misure generali di tutela, nonché, nel caso di affidamento dei lavori, a: a) verificare l’idoneità tecnico-professionale dell’impresa o del lavoratore autonomo a cui vengono affidati i lavori; b) chiedere alle imprese esecutrici una dichiarazione sull’organico medio annuo; c) trasmettere all’amministrazione concedente, prima dell’inizio dei lavori oggetto del permesso di costruire o della denuncia di inizio attività, tra l’altro, il Durc. Il pacchetto semplificazioni abroga quest’ultima previsione (consegna del Durc) e la sostituisce con l’obbligo di consegnare «in luogo del documento unico di regolarità contributiva, una dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante dell’impresa o del lavoratore autonomo che l’amministrazione concedente è tenuta a verificare».

Il pacchetto semplificazioni prevede inoltre di estendere la vigente previsione della misura «compensativa» per chi ha crediti nei confronti dello stato per il Durc richiesto per fruire di benefici normativi e contributivi a ogni tipologia di Durc. Infatti, è oggi previsto il rilascio del Durc, anche in presenza di debiti contributivi, qualora l’impresa sia in possesso di una certificazione che attesti la sussistenza e l’ammontare di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati (che darebbero esito ad un Durc negativo). Tuttavia, la norma fa riferimento esclusivo al Durc rilasciato per la fruizione di benefici «normativi e contributivi», per cui restano fuori i Durc richiesti per gli appalti pubblici e nell’ambito degli appalti privati in edilizia. Il pacchetto semplificazioni è teso anche all’eliminazione di questa disparità.

1 Commento su ADDIO AL DURC, NEI CANTIERI BASTA L’AUTOCERTIFICAZIONE

  1. sono impresa di pulizie individule…non ho mai sentito del durc…riguarda anche me? Ringrazio anticipatamente

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*