BONANNI, DURA CRITICA SU MODIFICHE CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

Durissima e senza mezzi termini la critica di Raffaele Bonanni, segretario generale CISL, sull’annuncio di ieri di modificare il contratto a tempo determinato: ”Il ministro Fornero ha troppi alti e bassi. Farebbe bene a ripristinare il vecchio contratto a termine, almeno quello e’ fatto dalle parti sociali”, riferendosi in particolare alla disponibilita’ del ministro del Lavoro a diminuire i vincoli sui contratti a termine.
Se il ministro vuole rivedere qualcosa, si affidi alle parti sociali, ma la Fornero non ha proprio l’attitudine a dialogare. Faccia come gli altri ministri dei paesi europei: dialoghi di piu’ con le parti sociali, che farebbero senz’altro meglio di qualsiasi ministro a trovare soluzioni idonee per un buon rapporto di lavoro”. Questo il commento a caldo di Bonanni all’agenzia di stampa Asca. Conclude poi:’‘Quindi basta con questo scavalcamento continuo che porta solo a tanta confusione”.

Non è il primo attacco di questo genere del sindacalista al ministro Fornero, più volte tacciata da Bonanni di ‘troppo facile ottimismo’, inadeguatezza al ruolo, misure inefficaci e spesso controproducenti, nonché scarsa comprensione del dislivello tra domanda e offerta nel mondo del lavoro, che la porterebbero all’attuazione di misure inefficaci, senza un vero piano completo e sistematico per la riforma del lavoro. L’accusa maggiore, però, purtroppo largamente condivisibile, è il fatto che questo governo sembra puntare sempre di più a riforme dei contratti senza nessuna partecipazione dei sindacati, scavalcandoli completamente.

Iscriviti Gratis alla NewsLetter

Registrati per Ricevere GRATIS le Offerte di Lavoro direttamente nella tua eMail.

Scrivi un commento

Iscriviti Gratis alla NewsLetter

Registrati per Ricevere GRATIS le Offerte di Lavoro direttamente nella tua eMail.